martedì,Luglio 16 2024

La Strada per Pazzano sindaco: «Reggio capitale della cultura è una scelta»

Il collettivo rilancia sull'idea del direttore Malacrino: «Non può essere una proposta ma il risultato di un percorso che diventa chiara scelta programmatica e per cui stiamo lavorando tempestivamente»

La Strada per Pazzano sindaco: «Reggio capitale della cultura è una scelta»

La proposta ufficializzata ieri dal direttore del MarRc,Carmelo Malacrino di Reggio capitale italiana della cultura per il 2022, in occasione del 50esimo anniversario della scoperta dei Bronzi viene richiamata dal Collettivo La Strada per Pazzano Sindaco. «Reggio capitale della Cultura è una scelta, il deciso indirizzo che vogliamo e possiamo dare alla nostra città, insieme». Una scelta che il collettivo rivendica e spiega «Quando ormai un mese fa abbiamo pubblicato il nostro programma “in pillole” per la cura della città lo abbiamo fatto sulla scorta di un anno di ascolto del territorio, dei cittadini, degli enormi problemi, dei sogni, delle possibilità concrete di tornare a essere comunità e ad essere città. Da un lungo lavoro è arrivata la certezza di poter proporre Reggio come capitale della Cultura e, lo diciamo senza vergogna, molti ci hanno detto che è un sogno irrealizzabile. Certo, a vedere la città così in ginocchio, in balia dell’arbitrarietà, dell’assenza della più elementare programmazione, affondata nella spazzatura pare impossibile anche immaginarla abitata.E invece abbiamo scritto un mese fa, abbiamo preso un impegno ufficiale con la città: Reggio capitale della Cultura. Può esserlo!». Per i sostenitori di Pazzano «La nostra non è una proposta, ma il risultato di un percorso che diventa chiara scelta programmatica e per cui stiamo lavorando tempestivamente. Invitiamo quanti ci credono ad allargare la collaborazione, a partecipare e a condividere questo percorso».

E ancora «Proprio ieri arriva da una fonte autorevole e competente lo stesso invito: Reggio sia capitale della cultura. Il direttore del Museo Archeologico Nazionale Carmelo Malacrino non solo ci spinge a sognare, ma ci dice chiaramente che è possibile. Bene, non solo ci crediamo ma è uno dei punti sui quali giochiamo la credibilità del nostro programma con Saverio Pazzano sindaco. Non ci interessa restare sulla linea di galleggio, vogliamo che Reggio diventi un luogo bellissimo. Col percorso dei Nodi tematici lo stiamo costruendo: occorre una programmazione rigorosa e che integri ambiente, cultura, turismo, welfare, mobilità… Il fallimento dell’attuale amministrazione sta tutto qui: nella chiusura alle istanze della città, nella rassegnazione che di meglio non si possa fare, nell’appiattimento sui problemi e nella conseguente assenza di un programma, di un’idea di città. Da questi “malanni” siamo ripartiti insieme ai cittadini, abbiamo capito che non sono congeniti, ma solo strutturati nell’attuale classe dirigente. E per questo sappiamo che Reggio capitale della cultura è possibile. Con tutto ciò che questo comporta, in termini di fatica, ma anche di opportunità economiche per una città che deve rialzarsi. Perché è possibile valorizzare il patrimonio esistente e investire, con competenza e con una accorta programmazione, sul futuro. Noi lo stiamo facendo e i Nodi Tematici sono lo spazio di confronto pubblico in cui gli esperti e i cittadini riaprono, insieme, alla speranza di riabitare Reggio. Con la capitale della Cultura abbiamo lanciato una scelta importante. Non è una proposta! È una scelta, il deciso indirizzo che vogliamo e possiamo dare a Reggio, insieme». In conclusione «Certamente ad oggi quello di capitale della Cultura pare un obiettivo impossibile. Noi diciamo che è un obiettivo importante e che ce la metteremo tutta per trasformare la città nel prossimo quinquennio. Reggio ha un inestimabile patrimonio artistico, culturale, umano. Mettiamolo insieme».

top