giovedì,Novembre 26 2020

Giannetta: sanità e lavoro al primo posto nell’agenda politica

Oggi pomeriggio la presentazione del candidato nella sala Calipari

Giannetta: sanità e lavoro al primo posto nell’agenda politica

Sono la salute ed il lavoro al primo posto nell’agenda politica di Domenico Giannetta, candidato alle elezioni regionali a sostegno di Jole Santelli (Forza Italia) presidente. Oggi pomeriggio la sala Calipari di palazzo Campanella ha accolto la presentazione del candidato forzista, alla presenza della stessa Santelli, con l’immancabile Francesco Cannizzaro, e con l’atleta paralimpica Giusy Versace.

Senza voce, ma pronta a dare battaglia, Santelli che spiega: «I calabresi chiedono di rimanere in Calabria e che questa terra torni alla normalità. Vogliono la possibilità di un futuro ed è quello che vorrei dare loro. Abbiamo un programma di sviluppo che parte dalla decisione di credere in questa Regione e nelle sue potenzialità, noi abbiamo un programma politico ma abbiamo bisogno che la gente ci creda».

E poi Giannetta «Come consiglieri dobbiamo dare manforte al nostro presidente perché già abbiamo raggiunto un traguardo culturale importante avendo la prima donna presidente della storia della Regione Calabria (parla come se già Santelli avesse vinto le elezioni, nds). In cinquant’anni di regionalismo siamo riusciti a conquistare e rivendicare un ruolo fondamentale e questo perché Forza Italia da sempre ha fatto queste battaglie e in coerenza con quelle che sono i sono valori faremo in modo che si possa avere una Calabria migliore, dove i nostri giovani e le nostre menti non devono andare via e dobbiamo smetterla di assistere a questi ascensori unidirezionali  che portano la gente da Sud verso il Nord. Dobbiamo dare un’inversione di tendenza soprattutto parlare di immigrazione inversa, riportando la gente nella nostra regione e dando attenzione a due aspetti fondamentali: che sono la sanità ed il lavoro. Abbiamo tutte le carte in regola per governare questa regione, mancano otto giorni e dobbiamo continuare a lottare».