martedì,Dicembre 1 2020

Salvini traccia l’identikit del nuovo sindaco: «Non avrà tessera di partito»

Il leader della Lega fa il pieno all'Odeon dopo la vittoria alle regionali. Prima del comizio l'incontro riservato con gli eletti e i referenti reggini che è stato interrotto per un saluto con la governatrice Jole Santelli. In mattinata la visita al palazzo di giustizia

Salvini traccia l’identikit del nuovo sindaco: «Non avrà tessera di partito»

Matteo Salvini torna a Reggio Calabria dopo la vittoria del centrodestra alle regionale e l’ingresso storico della Lega in Consiglio con ben 4 rappresentanti. Dopo l’incontro avuto a Vibo Valentia per ringraziare i carabinieri del comando provinciale per avere condotto sul campo la maxi-retata dell’inchiesta “Rinascita-Scott” contro la ‘ndrangheta di tutta la provincia, l’ex ministro dell’Interno è arrivato in riva allo Stretto dove ha incontrato gli elettori al cinema Odeon.

Sul palco, presentati dal commissario regionale Cristian Invernizzi, gli eletti a palazzo Campanella Tilde Minasi, Pietro Molinaro, Pietro Raso e Filippo Mancuso, oltre agli altri componenti della lista e i rappresentanti reggini, compreso il consigliere comunale Emiliano Imbalzano.

Salvini ha invitato tutti a sospendere i festeggiamenti e ad iniziare subito il lavoro per rispondere alle tante emergenze calabresi. «Abbiamo adesso una grande responsabilità – ha detto – e dobbiamo metterci subito al lavoro. Non appena saranno convalidati gli eletti dobbiamo subito dare delle risposte e rispettare gli impegni presi dalla sanità al lavoro, all’agricoltura, alle infrastrutture fino al  piano rifiuti».

Anche a Reggio, dunque, Salvini ripropone Agricoltura e Turismo come i comparti da rilanciare: «Vanno subito rilanciati nella prima grande Regione del Sud che elegge consiglieri con il simbolo della Lega». E seppure il leader del Carroccio glissa sulla domanda relativa alla formazione della giunta, le pretese del suo partito sembrano chiare anche nella giornata di oggi. Significativo che Salvini abbia rivendicato nuovamente le richieste anche nel giorno in cui ha avuto modo di avere un faccia a faccia con Jole Santelli, eletta governatrice della Calabria. La Santelli, a Reggio per una serie di incontri politici, è passata all’Hotel Esclesior, dove Salvini ha riunito i suoi prima del comizio pubblico, per un saluto.

«La Calabria è la prima grande regione del Sud che elegge consiglieri con il simbolo della Lega – ha detto ancora Matteo Salvini – ma non possiamo accontentarci. Penso di tornarci ogni mese per confermare questi risultati o migliorarli anche perché dobbiamo ricordarci che, seppure abbiamo vinto,   vinto mezzo milione di cittadini calabresi non hanno votato».

Un messaggio, infine, alla Città Metropolitana che a maggio sarà chiamata a rinnovare la sua Amministrazione.  «Ci saremo – ha detto Salvini – sicuramente sarà presentata una lista Lega per la prima volta a Reggio. Ne parlavo con i consiglieri prima di cominciare l’incontro. Spero che si possa esprimere un candidato sindaco all’altezza, anche senza tessera di partito in tasca, ma che faccia riferimento alla nostra area culturale – ed ha arringato i suoi – Preparate una squadra di governo per il Comune di Reggio Calabria. Non è possibile che questa città venga ricordato solo per quello che non va, i dissesti e i problemi. Proviamo a portare avanti il meglio della Calabria».

La visita di Salvini a Reggio si concluderà in mattinata con la visita ad una delle storiche incompiute cittadini e cioè il  palazzo di giustizia.