Sondaggi e suggestioni. Italia Viva chi appoggerà alle comunali?

La nuova rilevazione Swg mette in luce le difficoltà di Forza Italia, che tiene solo in Calabria, e del nuovo movimento di Matteo Renzi che sulla prescrizione è sulle posizione azzurre. Possibili intese future? Magorno non ha sciolto le riserve per le prossime elezioni
La nuova rilevazione Swg mette in luce le difficoltà di Forza Italia, che tiene solo in Calabria, e del nuovo movimento di Matteo Renzi che sulla prescrizione è sulle posizione azzurre. Possibili intese future? Magorno non ha sciolto le riserve per le prossime elezioni

Si assestano gli equilibri nei vari schieramenti politici dopo l’ultima tornata elettorale regionale dello scorso 26 gennaio.  L’ultimo sondaggio Swg  ha fotografato le intenzioni di voto e tratteggiato nuovi scenari.

Fi si aggrappa alla Calabria

Nel centrodestra la Lega di Matteo Salvini rimane il primo partito con il 32%, seppure in calo di un punto percentuale, mentre continua la scalata di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che guadagna un altro 0,6% e sfiora l’11%. Verosimilmente Fdi continua ad erodere consenso a Forza Italia e a Silvio Berlusconi che, invece, perde quasi un punto percentuale scendendo al 5,4%. Se si considera anche il misero 2,5% raccolto in Emilia Romagna ci sarebbe da suonare il de profundis per il partito del Cavaliere che ha tenuto soltanto in Calabria, con percentuali clamorose se al 12,34% raggiunta dalla lista Fi si aggiungono i dati di Jole Santelli Presidente e Casa delle Libertà, da considerarsi costole azzurre. Il totale supera abbondantemente il 25% e ha attirato attenzioni di Silvio Berlusconi e Antonio Tajani che hanno accompagnato l’avventura di Jole Santelli dal primo all’ultimo momento.

Renzi al 4%

Un partito solo calabrese, però, non avrà grande respiro. E per questo da più parti si invoca una riorganizzazione complessiva che parta dal Meridione e guardi a possibili alleanze con forze liberali e moderate. Primo della lista, ovviamente, Matteo Renzi che con la sua Italia Viva continua a stentare, nonostante il grande rumore fatto sulla prescrizione e le minacce di crisi di governo supera di poco il 4%. Posizioni vicine tra gli azzurri e i renziani si sono registrate ad esempio sulla prescrizione.

Centrosinistra in fibrillazione

Italia Viva in Calabria non ha presentato liste alle regionali, ma il senatore Ernesto Magorno ha garantito che presenterà i propri candidati ai prossimi appuntamenti elettorali, a cominciare dalle comunali di Reggio Calabria della prossima primavera. Magorno non ha detto, però, all’interno di quale schieramento sarà presente la lista renziana. E in riva allo Stretto il sindaco uscente Giuseppe Falcomatà teme di poter perdere altri pezzi della sua maggioranza. Anche perché il Pd, seppure dato in risalita di un punto a livello nazionale con un consenso che arriva al 20,7%, si tiene ben distante dalla coalizione di centrodestra se dovesse presentarsi unita, così come è avvenuto alle regionali. Stabile il Movimento Cinque Stelle al 14%, anche se per quel che riguarda le prossime comunali nulla è ancora trapelato nonostante l’insediamento dei facilitatori.