domenica,Novembre 29 2020

Il comitato della Vallata del Gallico porta a segno “Liberiamoci dal rifiuto”

Un fuori tema per il comitato che ha anche affrontato il problema dell’erogazione idrica ed i timori per l’impianto di Sambatello

Il comitato della Vallata del Gallico porta a segno “Liberiamoci dal rifiuto”

Buon successo ha conseguito l’iniziativa dal titolo “Liberiamoci dal rifiuto” sviluppata a Piazza Italia nella mattinata di domenica 1 marzo. La manifestazione è stata promossa  a cura del Comitato spontaneo no porta a porta, dell’Associazione Circolo Vitambiente di Reggio Calabria, dell’Associazione “Sbarre per sempre” ed ha dato la sua adesione il Comitato Permanente Vallata Gallico.

Soddisfacente la partecipazione popolare soprattutto se paragonata alle piazze desertiche che, ormai da tempo, si registrano in occasione di iniziative politiche e non, anche in periodi elettorali:  non è un caso che la maggior parte dei personaggi in vista scelga l’ambiente chiuso per le proprie prediche. La manifestazione è stata introdotta  ad opera del “Comitato spontaneo no porta a porta”, e del Circolo reggino dell’Associazione “Vitambiente” che hanno illustrato l’esito di un incontro col Sindaco Falcomatà.

E‘ intervenuto quindi  l’Esponente dell’Associazione “Sbarre per sempre”, cui ha fatto seguito   un interessante dibattito che  si è sviluppato con i Cittadini presenti, portatori di idee, proposte e critiche inerenti lo stato della raccolta dei rifiuti nella nostra Città. Come, però, accade in molte manifestazioni non è mancato il tentativo, da parte di qualche personaggio politicamente orientato, di mettere cappello sull’evento che non aveva alcuna caratterizzazione di parte tentando una passerella elettorale  sotto la copertura di un’associazione surrettizia,  con la grazia di un elefante nel classico negozio di porcellane e l’arroganza di un bullo da bar Sport. Nel suo intervento l’Esponente del Comitato Permanente Vallata Gallico non ha potuto fare a meno di rilevare che , fatta salva la libertà di pensiero, in quell’evento non c’era spazio per tentativi di strumentalizzazione politica.

A volte il cattivo gusto e la presunzione spinge alcuni tromboneschi personaggi, fuori letargo solo per il periodo elettorale, ad esibirsi in  consunte omelie; sono gli stessi che , all’ombra di passate amministrazioni, hanno avvallato, sostenuto e coperto, nel più completo silenzio,  coloro che hanno dato inizio al degrado che ancora stiamo vivendo. Nessuno è incolpevole: a Reggio Calabria l’attuale amministrazione è solo l’ultima in ordine di tempo, egregiamente preceduta dalle ultradecennali, disastrose amministrazioni Scopelliti ed Arena che hanno, tra l’altro, causato l’altrettanto disastroso commissariamento.

Il Comitato Permanente Vallata Gallico, tornando alle cose serie ed alla realtà concreta, ha poi posto all’attenzione il problema dell’erogazione idrica ed i timori  per l’impianto di Sambatello, scusandosi per il “fuori tema” ed ha chiesto l’intervento dell’Associazione “Vitambiente” per  affrontare il caso. Accogliendo la richiesta, “Vitambiente” si è impegnata ad incontrare quanto prima una delegazione del nostro Comitato per mettere a fuoco la problematica in questione. Ha, quindi, reiterato alla Prefettura la richiesta della riattivazione urgente del “tavolo di crisi “ per l’emergenza idrica e riproposto l’esenzione dal pagamento delle bollette dell’acqua e della TARI per le classi meno abbienti.