venerdì,Novembre 27 2020

Coronavirus, sindaci della locride: «Chi torna rispetti le regole»

L'appello rivolto dai primi cittadini del territorio ionico ai corregionali che stanno rientrando a casa

Coronavirus, sindaci della locride: «Chi torna rispetti le regole»

Coronavirus, le raccomandazioni dei sindaci della locride per chi fa ritorno al Sud. «Tante persone, prese dal panico a seguito della fuga di notizie che ha anticipato la decisione del Governo di isolare parte del nord Italia, stanno rientrando anche sul nostro territorio senza alcun obbligo o prescrizione comportamentale da seguire.

Nelle more che le autorità governative superiori assumano in merito determinazioni e misure condivise a tutela della salute pubblica, rivolgiamo un appello ai nostri corregionali che stanno rientrando a casa e li invitiamo a: comunicare al medico di famiglia e alle autorità competenti il proprio arrivo; scegliere la quarantena volontaria come strumento di protezione per tutti, e in primis per se stessi e i propri cari;

usare tutte le precauzioni consigliate dai protocolli nelle relazioni interpersonali. È il momento della responsabilità. È il momento di rispettare le regole per il bene di tutti. Invitiamo, inoltre, tutti i nostri cittadini ad assumere tutte le necessarie precauzioni.

Tenere comportamenti responsabili rispettando le precauzioni del caso è interesse di tutti e del territorio della locride in particolare, tenuto conto della fragilità delle strutture sanitarie presenti. Dobbiamo partecipare attivamente e con serietà alla strategia di contenimento del contagio.

Si ricorda che l’art. 4 del DPCM 8 marzo 2020 prevede che il mancato rispetto degli obblighi previsti dallo stesso decreto (tra cui l’entrata e l’uscita dalle province indicate) costituisce grave reato punibile ai sensi dell’art. 650 del codice penale (arresto fino a tre mesi).