mercoledì,Novembre 25 2020

Morte di Mimmo Crea, il sindaco Suraci: «Il contagio non è avvenuto per spostamenti suoi o di familiari dalla zona rossa»

Il Comune di Montebello Jonico, le forze dell’ordine e le Autorità Sanitarie, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono al lavoro per ricostruire attraverso quale percorso il virus abbia potuto giungere nel territorio

Morte di Mimmo Crea, il sindaco Suraci: «Il contagio non è avvenuto per spostamenti suoi o di familiari dalla zona rossa»

Morte di Mimmo Crea, il sindaco Suraci: «Il contagio non è avvenuto per spostamenti suoi o di familiari dalla zona rossa».

«La morte dell’amico e dipendente comunale geometra Mimmo Crea, nel colpirmi profondamente per come è arrivata, ha lasciato sgomenta l’intera comunità ed ha fatto piombare ancor di più il nostro Comune nel baratro delle preoccupazioni causate da questo maledetto Covid-19». Così Ugo Suraci, sindaco di Montebello Jonico.

«La morte di Mimmo – prosegue il primo cittadino – lavoratore instancabile e professionale, persona dedita al prossimo e la cui sensibilità era nota a tutti, ha privato la sua famiglia e gli amici che lo hanno conosciuto della sua sincera solarità e del suo immancabile sostegno. In questi giorni davvero difficili ritengo necessario destinare alla famiglia di Mimmo il cordoglio mio e dell’Amministrazione Comunale.

Il Comune di Montebello Jonico, le Forze dell’Ordine e le Autorità Sanitarie, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, sono al lavoro per ricostruire attraverso quale percorso il virus abbia potuto giungere nel nostro territorio e contagiare Mimmo.

Sulla questione, proprio per fare chiarezza e mettere definitivamente a tacere le molteplici, fantasiose ed ingiuste ipotesi veicolate tra la popolazione – conclude il sindaco – l’unica vera certezza è che il contagio di Mimmo non è avvenuto a causa di viaggi o spostamenti suoi o di componenti del suo nucleo familiare da e per le Zone Rosse».