martedì,Ottobre 27 2020

Coronavirus a Reggio Calabria, sono pervenute al Comune 2000 domande per i buoni spesa

Come spiega l'assessore Lucia Nucera «l'obiettivo è stare al fianco delle persone fragili per rispondere in tempi brevi alle richieste»

Coronavirus a Reggio Calabria,  sono pervenute al Comune 2000 domande per i buoni spesa

«Sono circa 2000 le domande ad oggi pervenute al Settore Welfare del Comune di Reggio Calabria per l’accesso al bonus spesa attivato con il fondo previsto dal Governo per il sostegno delle famiglie in difficoltà. Un numero di accessi certamente importante, che gli operatori del settore stanno processando con grande attenzione, lavorando senza sosta anche nel weekend e nelle ore serali, per arrivare in tempi brevi all’erogazione dei primi buoni spesa».

Così l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Reggio Calabria, Lucia Anita Nucera. «Il nostro obiettivo, d’intesa con il sindaco Falcomatà, è quello di stare al fianco delle persone più fragili, lavorando in maniera scrupolosa affinchè si possa rispondere in tempi brevi alle domande presentate attraverso l’erogazione dei buoni.

In questo senso mi sento di ringraziare gli operatori del settore Welfare per lo straordinario lavoro messo in campo in questi giorni, ma anche tutti gli operatori del Coc, Centro Operativo Comunale, e la rete di solidarietà attivata dallo scorso 5 marzo, con il prezioso supporto della Protezione Civile, del Banco Alimentare, della Caritas, della Croce Rossa e di tante altre associazioni di volontariato con cui stiamo supportando quotidianamente oltre 200 famiglie che versano in situazione di difficoltà. Stiamo lavorando H24 per far fronte ad ogni emergenza e dare risposte immediate e concrete.

Per questo, invito chi si trovi in situazioni di difficoltà a rivolgersi al Centro Operativo Comunale. Dallo scorso 5 marzo,  stiamo portando avanti un lavoro sinergico e  meticoloso, affinché nessuno si senta lasciato solo. Nelle prossime ore la task force messa in campo dall’amministrazione sarà ulteriormente rinforzata, attraverso il supporto di operatori di altri settori comunali che saranno temporaneamente distaccati al settore Politiche Sociali, con l’obiettivo di svolgere velocemente le operazioni necessarie all’erogazione dei buoni.

Mi preme ringraziare gli esercizi commerciali che hanno aderito alla manifestazione d’interesse e che accetteranno i buoni spesa, perché in questo momento di difficoltà hanno dimostrato grande solidarietà ed umanità».