lunedì,Novembre 30 2020

Nessuna rivolta di Fdi a Roma. Ferro richiama all’unità e aspetta il candidato dalla Lega

Lunga giornata di incontri tra Reggio e Roma. Mentre Minicuci incontra Tilde Minasi alla sede della Lega di piazza Italia, nella Capitale il summit del partito di Giorgia Meloni. Attesa per il faccia a faccia Cannizzaro-Invernizzi

Nessuna rivolta di  Fdi a Roma. Ferro richiama all’unità e aspetta il candidato dalla Lega

Lunghissima giornata di incontri e faccia a faccia tra Roma e Reggio Calabria in vista delle prossime comunali. Ad aprire la giornata ci ha pensato il candidato sindaco in pectore della Lega Antonino Minicuci che si è fatto intercettare in pieno centro cittadino. Dopo una breve passeggiata sul corso Garibaldi si è diretto alla nuova sede delle segreteria provinciale della Lega. Dopo qualche minuto è sopraggiunta Tilde Minasi, capogruppo del partito in Consiglio regionale. «Sono venuto a calmare le acque» si è fatto sfuggire incontrando qualche cronista Minicuci che ha evitato di entrare in ogni tipo di questione politiche aspettando che si arrivi all’ufficializzazione del nome.

L’incontro di Fdi a Roma

Quasi in contemporanea a Roma si svolgeva la riunione dei vertici calabresi e reggini di Fdi con il responsabile nazionale dell’organizzazione del partito Giovanni Donzelli. Nella Capitale, insieme al coordinatore regionale Wanda Ferro al commissario provinciale Denis Nesci, il referente cittadino Massimo Ripepi, nonchè  il consigliere regionale Giuseppe Neri e i consiglieri comunali Luigi Dattola e Demetrio Marino.

L’incontro si è rivelato interlocutorio anche se la posizione dei vertici nazionale è chiaramente in appoggio alle scelte della Lega e, dunque, molti dei mal di pancia interni sull’eventuale nome di Minicuci sono rientrati. Si è però in attesa degli ultimi dettagli prima di arrivare alla quadra. Di sicuro Fdi, però, non ha alcuna intenzione di favorire processi divisivi che forse dentro la Forza Italia reggina qualcuno immagina.

«Fratelli d’Italia sarà in prima fila nella sfida per vincere a Reggio Calabria Ci sono state delle interlocuzioni importanti, ma al momento siamo in attesa di una proposta formale da parte degli amici della Lega sull’uomo o la donna che dovrà guidare la coalizione unita del centrodestra». Così la coordinatrice regionale di Fratelli d’Italia Wanda Ferro,  al termine della riunione. «I tempi stringono – conclude Wanda Ferro – e speriamo di iniziare presto la sfida elettorale con un candidato a sindaco rappresentativo della città di Reggio Calabria. Continuiamo a chiedere nel frattempo un tavolo regionale di coalizione per scegliere insieme anche i restanti candidati a sindaco e per affrontare insieme tutte le importanti sfide che ci attendono per il rilancio della regione».

Cannizzaro vedrà Invernizzi

Si attende, insomma, la chiusura della partita tra Lega e Fdi che potrebbe avere uno sviluppo importante nelle prossime ora quando dovrebbe esserci il faccia a faccia tra il commissario regionale del Carroccio Cristian Invernizzi e il deputato azzurro Francesco Cannizzaro. Il gruppo di Cannizzaro è ancora sull’Aventino e continua a minacciare rotture se non dovesse essere cambiato il nome del candidato sindaco, adesso la preferenza azzurra andrebbe verso Franco Sarica, ma la sensazione è che i margini di manovra per arrivare ad un colpo di scena siano ridottissimi.

Stretti i margini di manovra

Quanto avvenuto con le regionali (con il cambio in corsa tra Mario Occhiuto e Jole Santelli) però insegna che fino all’ultimo istante la partita rimarrà aperta.

Ed in attesa rimane anche Angela Marcianò che non ha ancora sciolto le riserve su una sua possibile discesa in campo in autonomia, ma guarda con attenzione alle dinamiche in atto dentro il Carroccio.