venerdì,Ottobre 30 2020

Elezioni Reggio Calabria, Davi: «Eletti collegati ai boss? Sarebbe una sconfitta»

Le affermazioni del già candidato a sindaco ad una radio tedesce e l’appello: «Estorsione e usura stanno uccidendo il Sud, ascoltiamo le parole di Bombardieri e Gratteri»

Elezioni Reggio Calabria, Davi: «Eletti collegati ai boss? Sarebbe una sconfitta»

L’esclusione di Klaus Davi varca i confini nazionali e arriva in Germania, paese nel quale Davi ha vissuto, per la precisione nell’allora capitale Bonn,  diversi anni dopo l’infanzia in Svizzera.

Intervistato dall’emittente tedesca  “Radio Duisburg“, città tristemente nota per la faida di San Luca e molto attenta a quanto accade in Calabria, Klaus Davi ha portato il caso “scrutini pazzi”  di Reggio Calabria a livello extra nazionale.

La Radio Tedesca lo ha interrogato su quanto accaduto a Reggio.  Il giornalista ha definito il caso avvenuto in Calabria: «inquietante ma tipico di una zona di  Italia dove i sistemi burocratici sono farraginosi anche se deve essere chiaro che gli eventuali errori sono tutti da accertare e per questo ci rimettiamo alle autorità preposte».

«La nostra esclusione presenta molti lati oscuri che dovranno essere chiariti nelle sedi opportune. Non esiteremo ad arrivare anche in contesti internazionali, se sarà necessario. La Calabria è, lo dico con tristezza ,  è una zona franca del diritto ed è giusto che l’Europa sappia per questo porteremo la vicenda  fuori dai confini nazionali» ha ribadito Davi alla radio tedesca «Questo incidente rappresenta per il nostro progetto comunque un formidabile momento di narrazione.

In generale e senza riferimenti all’episodio specifico: «Mi spiace per una terra così martoriata il popolo non si possa minimamente fidare della sua classe dirigente». Alla domanda del giornalista tedesca: «Ritiene che fra gli eletti a Reggio  ci siano soggetti o liste riconducibili ai clan di Ndrangheta?» Davi ha risposto: «Mi auguro  comunque negli interessi della città e delle istituzioni dello Stato che operano in Calabria che non succeda. Sarebbe una sconfitta per la città e qualcuno dovrà assumersi la responsabilità di certe  scelte verso i cittadini».

Nella serata di ieri Klaus Davi è intervenuto anche al Tg 4 (Rete 4)  nella edizione di punto  e ha parlato in quella sede di estorsione : «Ascoltiamo l’appello di PM importanti in prima linea come Giovanni Bombardieri e Nicola Gratteri. La mafia si sta mangiando il sud nel silenzio totale». Il massmediologo nel corso del telegiornale ha puntato il dito contro la politica «che deve intervenire subito e contenere l’avidità delle banche altrimenti le imprese del sud  moriranno o finiranno nelle mani dei vari boss».