lunedì,Gennaio 25 2021

Reggio Calabria, l’Atam diventa “Metropolitana”. Marino e Gangemi esultano

Si guarda già al futuro «alle grandi prospettive che tale risultato apre anche sul versante messinese creando le condizioni per uno specifico ambito interregionale tra le due sponde, in attuazione dell’ambizioso progetto di Area dello Stretto»

Reggio Calabria, l’Atam diventa “Metropolitana”. Marino e Gangemi esultano

«Oggi si compie un nuovo fondamentale passo in avanti nella direzione di un sistema di mobilità integrato capace finalmente di abbracciare l’intera area metropolitana di Reggio Calabria e rispondere efficacemente alle esigenze di tutto il territorio». Commenta con soddisfazione, il consigliere comunale Giuseppe Marino, il disco verde di Palazzo Alvaro alla proposta di acquisizione di una partecipazione nella società Atam Spa da parte della Città Metropolitana di Reggio Calabria.

«Si tratta di un risultato che sugella il lungo e complesso lavoro condotto in questi anni – prosegue Marino che nelle vesti di assessore ai Trasporti della precedente amministrazione Falcomatà, ha avviato e seguito personalmente l’iter – sul fronte del risanamento e del definitivo rilancio dell’azienda di trasporto pubblico locale. La realizzazione di un moderno sistema di trasporto urbano ed interurbano di area vasta a gestione integrata affidata ad un unico “veicolo” societario, nella forma del cosiddetto “in house providing”, attraverso l’ingresso della stessa Città Metropolitana nel capitale sociale di Atam, rappresenta un momento decisivo per questo importante e strategico settore che ci proietta all’interno di quegli scenari di sviluppo sui quali siamo impegnati ormai da tempo.

Mi riferisco, in particolare, – evidenzia Marino – alle grandi prospettive che tale risultato apre anche sul versante messinese creando le condizioni per uno specifico ambito interregionale tra le due sponde, in attuazione dell’ambizioso progetto di Area dello Stretto. Ripensando alle condizioni in cui versava Atam, solo fino a qualche anno fa, – conclude il consigliere comunale – è motivo di grandissima soddisfazione assistere oggi al raggiungimento di un traguardo simile che fa della nostra azienda di trasporto uno dei principali motori di crescita e sviluppo del territorio metropolitano».

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il consigliere comunale, Francesco Gangemi, che nella passata consiliatura, in qualità di delegato alle società partecipate, ha supportato fattivamente le varie fasi dell’iter nel quadro dell’attività di concertazione e confronto con i rappresentanti sindacali. «Il conseguimento di questo obiettivo – commenta Gangemi – è un ottimo segnale per il traporto pubblico locale che di anno in anno, fa registrare una crescita costante in termini di qualità del servizio e capacità gestionale dei vertici aziendali di Atam. Una crescita che è andata di pari passo anche all’incremento dei livelli occupazionali che in questi anni, come mai prima, ha visto l’attuazione di procedure concorsuali rigorosamente improntate alla massima trasparenza. Ma tale risultato è anche il segno tangibile – sottolinea Gangemi – della proficua interlocuzione istituzionale che gli enti, Comune e Città Metropolitana, hanno saputo mettere in atto in questi anni operando sempre con senso di responsabilità, lungimiranza e scommettendo concretamente sulle eccellenze e sui modelli virtuosi del nostro territorio».