sabato,Marzo 6 2021

Pubblica illuminazione, riunione operativa a Palazzo San Giorgio

Gli interventi, dunque, si estenderanno su gran parte dell'area cittadina «accelerando lì dove si è andati a rilento e rivoluzionando, nel complesso, strade e quartieri troppo speso rimaste al buio»

Pubblica illuminazione, riunione operativa a Palazzo San Giorgio

Fari puntati sulla pubblica illuminazione cittadina, questa mattina, in una riunione operativa a Palazzo San Giorgio fra il sindaco Giuseppe Falcomatà, gli assessori Rocco Albanese e Giovanni Muraca, il dirigente di settore Demetrio Beatino ed i tecnici Paolo Giustra ed Alessandro Idone. Una confronto con i tecnici, che è servito a fare il punto sulla programmazione in termini di servizi di questo delicato settore.

«Ci sono 28.000 punti luce da tenere sotto osservazione – ha spiegato l’assessore Albanese a margine della riunione – molti dei quali obsoleti per una manutenzione che ha scontato, più di ogni altra cosa, il peso del debito monstre del Comune. Oggi non è più così e siamo concentrati nel rimettere pienamente mano ad un sistema che va rigenerato e reso più efficiente, anche e soprattutto per quel che riguarda i consumi».

Così, è pronta a partire la prima parte dell’impianto luci del Viale Europa e, allo stesso modo, sono in fase di aggiudicazione i lavori di rifacimento completo dei sistemi di Contrada Cafari, San Sperato e Cannavò. «In questo caso – ha aggiunto Albanese – stimo parlando di un’illuminazione pubblica nuova di zecca che prevede la sostituzione totale del corpo luminoso, dei cavi e delle cassette di derivazione per circa 500 mila di euro. Non un semplice intervento di riparazione, quindi, ma una completa ristrutturazione per andare a servire in maniera più incisiva porzioni fondamentali del nostro territorio».

Gli interventi, dunque, si estenderanno su gran parte dell’area cittadina «accelerando lì dove si è andati a rilento e rivoluzionando, nel complesso, strade e quartieri troppo speso rimaste al buio, attraverso sistemi illuminanti tecnologicamente avanzati, a basso consumo energetico e a basso impatto ambientale».

«Per farlo – ha, poi, continuato l’assessore Muraca – potremo contare su diverse linee di finanziamento che vanno dai Patti per il Sud, ad Agenda Urbana o ai Pon. In frase di progettazione, per fare esempio, è la rigenerazione totale degli impianti dell’area collinare per la sostituzione dei braccetti per una somma complessiva di circa 2 milioni di euro. In programma anche un investimento di 3,6 milioni di euro per il rifacimento della pubblica illuminazione su tutto il territorio comunale, che sarà diviso in tre lotti per garantire una maggiore velocità di intervento. Un ruolo decisivo, comunque, lo svolgerà la società in house Castore con i cui vertici, l’amministrazione comunale, continua un serrato e proficuo confronto».

«Rimpingueremo le somme specifiche in bilancio – ha spiegato il primo Cittadino – in maniera tale da proseguire nel percorso di efficientamento e risparmio energetico della pubblica amministrazione. L’obiettivo di rendere sempre più smart la nostra città non si è spostato di una virgola». L’attenzione, dunque, resta massima e, già nei prossimi giorni, il tavolo tornerà a riunirsi per fare il punto su una situazione in continuo aggiornamento.