venerdì,Maggio 14 2021

Fossato Jonico “zona rossa”, Macheda attacca il sindaco: «Frutto di cattiva e mala gestione amministrativa»

Per il consigliere di minoranza «non servono solo i video e le raccomandazioni sulla responsabilità, per questo siamo tutti bravi»

Fossato Jonico “zona rossa”, Macheda attacca il sindaco: «Frutto di cattiva e mala gestione amministrativa»

«L’impennata di contagi a Fossato Jonico è frutto di una cattiva e mala gestione amministrativa». Ad affermarlo è Caterina Chiara Macheda, candidata a sindaco ed attuale consigliere di minoranza di Montebello Jonico, nonché ex vicesindaco durante l’Amministrazione di Ugo Suraci, che con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook, non perde occasione per attaccare l’attuale maggioranza ed il sindaco, accusandoli di immobilismo ed incapacità.

«Da oggi Fossato Jonico – continua la Macheda – subisce ancora una volta, “bastonata”, abbandonata a sé stessa, senza aiuti nè supporti. Chiusa senza aiuti. Mi chiedo il sistema di soccorso della Protezione civile dov’è? I numeri ai quali rivolgersi dove sono? Tamponi di massa? Una semplice tenda, oppure aprire le tante strutture chiuse e attivarle come centri Covid, per permettere a tutti di fare i tamponi diagnostici. Bollettini giornalieri, chiari e veritieri.

Ricordiamoci della frazione di Embresi, anch’essa ricadente nel nostro comune dimenticata, per non parlare delle altre borgate. Queste sono le cose basilari da fare, non i video e le raccomandazioni sulla responsabilità, per questo siamo bravi tutti. In capo al primo cittadino corre l’obbligo della sanità pubblica e sicurezza. L’Amministrazione non ci tratti da appestati – conclude – siamo tutti abitanti dello stesso comune, lo tenga bene a mente chi amministra».

top