martedì,Gennaio 25 2022

Pd, Sebi Romeo e Gianni Nucera si sfidano per la segreteria provinciale del partito

Romeo appare favorito, anche perché sostenuto da Irto. Ma Nucera è pronto a dare battaglia. Cosa farà Giuseppe Falcomatà?

Pd, Sebi Romeo e Gianni Nucera si sfidano per la segreteria provinciale del partito

Sarà quasi certamente uno scontro a due quello che vedrà venire fuori il nuovo segretario provinciale del Partito democratico. È di queste ore, infatti, la notizia che i nomi in lizza saranno quelli di Sebi Romeo e Gianni Nucera, entrambi ex consiglieri regionali.

Non sarà sicuramente una sfida già decisa quella che assegnerà un ruolo determinante nelle future strategie dei democrat in riva allo Stretto.

Per molto, troppo tempo, infatti, il Pd non ha avuto una leadership piena e riconosciuta. Un’entità quasi anonima, più che un vero e proprio partito. Un contenitore elettorale che troppo poco ha fatto sentire la sua presenza sul territorio.

Così, in occasione del congresso, le cose dovranno necessariamente cambiare.

Da quel che si apprende, il nome di Sebi Romeo sembra quello più accreditato per la vittoria finale. A suo sostegno, del resto, c’è un big come Nicola Irto, candidato unico alla guida del Pd regionale. Romeo, che fino a qualche tempo fa sembrava in procinto di potersi candidare anch’egli alla guida dei dem calabresi, ha invece optato per una postazione da cui ripartire dopo le vicende giudiziarie che lo hanno visto coinvolto e da cui sembra ora destinato ad uscire indenne, anche in virtù delle valutazioni in fase cautelare giunte dalla Corte di Cassazione.

Dall’altra parte, Nucera promette battaglia: se non dovesse arrivare un accordo preventivo, l’ex consigliere regionale è deciso ad andare fino in fondo, con una conta voto per voto.

E Falcomatà? Chi sosterrà? Le notizie dell’ultima ora lo danno per neutrale. Nessuna posizione ufficiale da parte del sindaco sospeso. Una mossa strategica in un momento nel quale, probabilmente, Falcomatà ritiene di voler spegnere le polemiche degli ultimi tempi e rientrare con serenità nei ranghi del suo partito.

top