martedì,Luglio 23 2024

Taurianova, un presidente del Consiglio donna: è la prima volta

Oggi il Consiglio comunale che ha celebrato il ricordo del compianto Salvatore Siclari e la surroga del nuovo consigliere Francesco Bellantonio

Taurianova, un presidente del Consiglio donna: è la prima volta

Per la prima volta nella storia politica taurianovese, il presidente del Consiglio comunale è donna. A prendere il posto del compianto Salvatore Siclari, scomparso prematuramente lo scorso 17 marzo, è stata Federica Ursida, eletta – contro ogni aspettativa – proprio stamattina, nel corso del civico consesso.

E così, con grande sorpresa per tutti, la maggioranza con un colpo di coda, ha praticamente messo all’angolo Raffaele Scarfò, che continuerà a ricoprire l’incarico di vicepresidente del Consiglio, contrariamente a quanto ci si aspettava, dal momento che circa un anno e mezzo fa, durante il primissimo Consiglio comunale, si era stabilito che sarebbe stato proprio Scarfò a prendere il posto del compianto Siclari, dividendo con lui il compito per la durata della legislatura, ossia facendo metà per uno. “Accordo” che, secondo quanto affermato stamattina dal sindaco Biasi, ora a sorpresa vede entrare in gioco la Ursida, che ricoprirà il ruolo di presidentessa del Consiglio comunale per il prossimo anno e mezzo, o forse due, per poi lasciare finalmente lo scranno a Scarfò, perché «così come stabilito nella prima adunanza del Consiglio comunale, per metà legislatura il ruolo del presidente tocca ad un consigliere di “Taurianova la città al centro” e l’altra metà a uno della Lega».

Il ricordo di Salvatore Siclari

Il Consiglio comunale si è aperto con il ricordo commosso del compianto presidente del Consiglio comunale Salvatore Siclari, la cui targhetta col nome è stata appoggiata su uno dei banchi dell’aula consiliare, con accanto un mazzo di fiori. «Salvatore è stato un amico e compagno sincero – ha esordito il sindaco Roy Biasi – oltre che un uomo sempre pronto e disponibile ad aiutare gli altri. La sua è una perdita difficile da colmare. Sempre presente, era un punto di riferimento per la comunità e fino all’ultimo giorno, nonostante le forze cominciassero a mancargli, non ha mai rinunciato a portare a termine il suo compito, raccomandandosi con tutti noi, affinché portassimo a termine tutti i progetti in programma». Dopo un lungo applauso di commiato, il primo cittadino ha voluto ricordare un’altra persona scomparsa prematuramente, il dipendente comunale del settore tecnico Enzo Monteleone, papà dell’assessore al Personale Simona Monteleone.

I preliminari

Al ricordo del presidente Siclari, sono seguiti i preliminari, che hanno visto il consigliere Filippo Lazzaro contestare la decisione di rendere a senso unico la via Principessa di Piemonte, senza interpellare né la minoranza né i commercianti che si affacciano proprio su quella via. A seguire, Nello Stranges ha chiesto chiarimenti circa l’esclusione dall’avviso pubblico della Regione, relativo all’avvio di un modello di sviluppo finalizzato alla costituzione di un’azienda speciale consortile quale prototipo gestionale di Welfare. Daniele Prestileo ha invece chiesto lumi circa i progetti messi in campo per la sicurezza stradale, soprattutto nella frazione Amato, mentre Simone Marafioti ha chiesto come si sta muovendo l’Amministrazione comunale per scongiurare la paventata chiusura del poliambulatorio specialistico.

Il sindaco ha risposto a tutti i quesiti, specificando innanzitutto che per la via Principessa di Piemonte si tratta di un esperimento atto a valutare un maggior incremento della attività commerciali, evitando la sosta selvaggia che procurava ingorghi e una limitata fluidità del traffico, cominciata con via Galini, per proseguire con via Verdi e da lunedì con via Principessa di Piemonte. Per quanto riguarda il bando, il sindaco ha spiegato che Taurianova è arrivata quarta, quindi fuori dai tre progetti finanziabili, perché penalizzata dall’unico criterio richiesto, ossia la rendicontazione delle spese, non presentata in tempo per via della mole di lavoro da svolgere, essendo l’ambito più attivo e di conseguenza con maggiori oneri contabili. Circa la sicurezza stradale, Biasi ha spiegato che si stanno valutando diverse soluzioni per impedire l’alta velocità ad Amato, così come si sta lavorando per la messa in sicurezza della Circonvallazione, grazie al finanziamento di poco meno di 3 milioni di euro ottenuto per la sua riqualificazione.

Il sindaco ha così colto l’occasione per annunciare diversi altri finanziamenti ottenuti per la sicurezza stradale, come quello di un milione di euro per la riqualificazione del tratto viario che da via Alcide De Gasperi giunge al viale San Martino, passando per la via Roma, il corso XXIV Maggio e la via Principessa di Piemonte o quello di 90.000 euro – 60.000 per quest’anno e 30.000 per il prossimo, che permetteranno di sistemare strade e marciapiedi su tutto il territorio comunale. Un altro finanziamento di 5 milioni di euro, è stato ottenuto dal Comune per il recupero dell’ex palazzo della cultura, che giace abbandonato da anni, dove si ha in mente di sfruttare i 1.600 mq di copertura e gli oltre 22mila mq di terreno, per creare attività culturali e commerciali. In più, si attende il finanziamento di 4.200.000 euro per la ristrutturazione dell’asilo Pontalto.

Sulla paventata chiusura del Poliambulatorio, a seguito del riscontro di notevoli anomalie soprattutto sugli impianti da parte dei Nas, il sindaco ha fatto sapere di essere in contatto con il commissario dell’Asp Scaffidi, il quale gli avrebbe assicurato che sono stati trovati i soldi per effettuare gli interventi necessari. Nel frattempo, l’Amministrazione si è prodigata a mettere a disposizione i locali del Centro vaccinale per ospitare gli uffici.

La surroga del nuovo consigliere

Terminati i preliminari, si è proceduto alla surroga del nuovo consigliere comunale, subentrato al posto di Salvatore Siclari. Si tratta di Francesco Bellantonio, che ha assicurato «massimo e totale impegno» nello svolgere il nuovo compito affidatogli.

Le interpellanze

Vista l’assenza del consigliere Fabio Scionti, la coalizione “Taurianova futura”, ha chiesto che le due interpellanze presentate, relative alla “Ingegnerizzazione delle reti idriche urbane, lavori di manutenzione straordinaria e riduzione delle perdite nei Comuni della Provincia di Reggio Calabria. Richiesta chiarimenti” e alla “Realizzazione di un cinema – teatro nel centro urbano di Taurianova. Richiesta chiarimenti”, venissero rinviate alla prossima seduta. Discusse invece, quelle presentate dal gruppo di Fratelli d’Italia. La prima, relativa al “Pagamento parziale della fornitura di piante” per curare il verde pubblico, ha visto relazionare il consigliere Lazzaro, il quale ha voluto sapere come mai era stato liquidato solo il 30% alla ditta che ha fornito le piante mentre nessuna fattura era stata pagata alle ditte incaricate della piantumazione. All’interpellanza ha risposto il vicesindaco Antonino Caridi, chiarendo che per questo genere di domande ci si poteva rivolgere agli uffici competenti e sostenendo che per tutti era stato versato il 30%, così come previsto dal Codice degli appalti, mentre il rimanente sarebbe stato liquidato a lavori ultimati.

Prestileo ha invece relazionato sull’interpellanza avente ad oggetto “Criticità istituti scolastici”, chiedendo cosa si sta facendo per evitare lo svuotamento dell’Istituto d’istruzione superiore “Gemelli Careri”, ora che si paventa il ritorno a Gioia Tauro dell’indirizzo Nautico del “Severi”, ospitato a Taurianova per via della mancanza di locali idonei nella città del Porto. A fornire le risposte è stata l’assessore alla Pubblica istruzione Angela Crea, la quale ha rassicurato sul grande lavoro di orientamento che si sta facendo e sulla possibilità di incrementare l’offerta formativa con nuovi corsi di studio, sostenendo di aver interpellato a tal proposito anche la vicepresidente della Giunta regionale Giusy Princi, con la speranza – per il momento vanificata a causa di un esiguo numero di studenti iscritti – di far tornare anche la dirigenza a Taurianova (attualmente ad Oppido Mamertina, ndr). Rinviata su richiesta del sindaco, la terza interpellanza di Fratelli d’Italia, sull’“Assegnazione ore lavoro straordinario”, così come la Relazione annuale della Giunta, che verrà presentata nel prossimo Consiglio comunale, quando verrà approvato il Bilancio di previsione, così come prevede il nuovo Statuto comunale.

top