lunedì,Giugno 27 2022

Precariato storico, ok alle risorse a larga maggioranza

La norma votata con l’opposizione di centrosinistra che non risparmia critiche riguarderà 646 lavoratori. Astensione “tecnica” del gruppo de Magistris presidente

Precariato storico, ok alle risorse a larga maggioranza

Sulle modifiche alla legge regionale 25 giugno 2019, n. 29 relativa alla “Storicizzazione delle risorse del precariato storico” il governo regionale ottiene un’ampia maggioranza che comprende il voto favorevole di Partito democratico, Movimento 5 stelle e «l’astensione tecnica» del gruppo de Magistris presidente. In realtà tanto il capogruppo Ferdinando Laghi, quanto i colleghi di opposizione Amalia Bruni (Misto) e Raffaele Mammoliti, hanno lamentato il poco coinvolgimento rispetto ad un provvedimento di tale portata che ha l’obiettivo di ridurre il precariato mediante un percorso di contrattualizzazione e/o stabilizzazione che comprende anche i lavoratori di cui alla l.r. 15/2008, in linea con la ratio legis di cui alla legge regionale n. 29/2019, accompagnando gli stessi lavoratori che saranno contrattualizzati a tempo indeterminato.

Si prevede, in particolare, per i lavoratori contrattualizzati con Azienda Calabria Lavoro, da più di 24 mesi a tempo determinato, l’accesso a procedure amministrative che permettano di contrattualizzare gli stessi a tempo indeterminato. Il bacino a cui si riferisce è costituito da 646 unità, di cui n. 70 in servizio presso Azienda Calabria Lavoro con contratto a tempo determinato, n. 576 in servizio presso altri Enti utilizzatori e Comuni.

E se Raffaele Mammoliti (Pd) parla di «miopia politica» che fa valere la forza dei numeri richiamando ogni parte politica ad assumersi le proprie responsabilità coerentemente alle decisioni che assume, per Katya Gentile (Fi) si sta cercando di coinvolgere il più possibile sui grandi temi tutti i consiglieri, attraverso le Commissioni. Parla quindi di «motivi di urgenza» per giustificarne il mancato passaggio: «Dobbiamo dare atto a giunta e maggioranza di stare lavorando per sciogliere nodi atavici».   

top