martedì,Agosto 9 2022

Comune di Reggio, il bilancio passa l’esame del consiglio comunale | VIDEO

Con 15 favorevoli e tre contrari viene approvato il documento contabile. Maggioranza striminzita

Comune di Reggio, il bilancio passa l’esame del consiglio comunale | VIDEO

Passa l’esame del consiglio comunale il bilancio di previsione del Comune di Reggio Calabria. Una maggioranza striminzita approva con 15 voti favorevoli, e tre contrari, l’importante documento contabile. E sono seri gli interrogativi che i gruppi politici di maggioranza in consiglio devono porsi. Al di là dell’addio di Cardia, rumor danno altre defezioni in vista. Senza contare del ritorno, ni prossimi mesi, come vi abbiamo ricordato più volte, di pezzi che certamente non siederanno tra i banchi della maggioranza. Insomma nonostante il calendario preveda la fine dell’estate il 21 settembre ci sono mesi caldi in vista per il civico consesso.

Nel suo intervento i consiglio, il sindaco ff Paolo Brunetti parla di Cardia, passato all’opposizione. Dapprima lo ringrazia per il ruolo svolto in qualità di presidente della commissione Bilancio, per gli atti propedeutici al documento, poi però affonda la lama.

«Peccato che il consigliere non sia più in aula, avrei voluto suggerirgli che i luoghi deputati a discutere del bilancio sono le commissioni e il consiglio comunale. Se avesse avuto coraggio di restare in aula glielo avrei detto. È da codardi lanciare dubbi e perplessità, le discussioni vanno fatte all’interno del palazzo. Per quanto riguarda le tre domande poste: quella relativa al personale e ai concorsi, gli suggerisco di aspettare il rientro del consigliere Neri e lui ci dirà perchè fino ad oggi non abbiamo fatto i concorsi».

Tornando al bilancio, Brunetti chiarisce: «Il risultato di oggi è il frutto del lavoro intrapreso da Falcomatà. Qual è il successo di questo bilancio? Il documento finanziario consegna un milione e 800mila euro da investire nei servizi essenziali. Non risolveremo i problemi ma ci proviamo. Stiamo pagando e stiamo pagando i debiti fuori bilancio che provengono da 40 anni di amministrazione. I soldi che abbiamo pagato in 7 anni non ci sono mai stati nelle storia di Reggio».

Il patto per Reggio

Per il sindaco facente funzioni, i fondi del patto per Reggio rappresentano «L’ultima chance che ci è stata data e noi abbiamo colto la sfida e sono sicuro che la vinceremo. Fa ridere sentire che non abbiamo la visione, ce l’abbiamo, il vero obiettivo è renderla reale e c’è tanto da fare».

Il parco lineare

«Sul parco lineare sono stati fatti ulteriori passi da gigante – aggiunge Brunetti – ma serve un po’ di tempo. Il dato positivo è che si vede l’area cambiare volto e noi ,con lavoro certosino, consegneremo alla città il prolungamento del lungomare più bello d’Italia. Ci saranno delle strutture, avremmo potuto tagliare già qualche nastro, ma abbiamo scelto di farlo solo quando il lavoro sarà completo»

Il decreto Reggio

Torna sul decreto Reggio il sindaco ff. «È stato bloccato, rivisto, rifinanziato con più leggi, ha subito un blocco di sei mesi perchè non c’era più il funzionario delegato. Coi fondi del decreto Reggio si è deciso di fare un lavoro a parte. Ci sono professionisti che si occuperanno solo di quello. Sui numeri a breve ci sarà il dato reale e si dovrà decidere: servirà fare un’analisi serena su ciò che ancora serve alla città. Avremo presto un confronto».

Ripepi: «Referendum su Gianni Versace»

Torna sulla mancanza di visione e di programmazione il consigliere Massimo Ripepi. «Oggi non abbiamo una visione strategia. Si pensi al turismo da diporto, si pensi al progetto Mediterranean life. Ed infine, si pensi ai bronzi di Riace: se li avessero avuto in America avrebbero fatto la città. Abbiamo il reggino più illustre di tutti i tempi, Gianni Versace: possiamo intitolare il corso Garibaldi a lui? E fare un referendum per dire se intitolare la strada più importante allo stilista reggino?». Una proposta sulla quale Brunetti non si sbilancia e spiega: «Come ho già detto nella scorsa seduta stiamo già lavorando sulla realizzazione di qualcosa che riguarda Versace ma non posso dire nulla di più».

top