domenica,Settembre 25 2022

Politiche 2022, quattro i candidati favoriti della Piana: Conia già in campo

Manca una settimana alla presentazione delle candidature e il sindaco di Cinquefrondi è l’unico ad aver annunciato la sua

Politiche 2022, quattro i candidati favoriti della Piana: Conia già in campo

Siamo ormai al rush finale. Queste infatti, sono ore calde per le ultime candidature in tutti gli schieramenti, in vista dell’importante appuntamento di domenica 25 settembre, quando i cittadini saranno chiamati alle urne per il rinnovo della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Manca solo una settimana prima di presentare le liste e le trattative si fanno sempre più pressanti. Intanto, sono già emersi alcuni nomi circa i papabili che potrebbero presentarsi per un posto in Parlamento tra i volti noti della politica pianigiana.

I primi due nomi emersi sono quelli dei consiglieri regionali Giovanni Arruzzolo e Giuseppe Mattiani, in corsa per una candidatura tra le fila di Forza Italia. Ma sarà il partito a scegliere chi dei due, potrà mettersi in gioco per un posto a Montecitorio. Il rosarnese Arruzzolo è alla sua terza legislatura regionale dopo aver ricoperto, in quella precedente, il ruolo di presidente del Consiglio, mentre il giovane palmese Mattiani, ex vicesindaco del comune di Palmi è invece, alla sua prima legislatura regionale, dopo aver ottenuto ben 11.268 preferenze risultando secondo solo allo stesso Arruzzolo, che ne ottenne 13.600.

Un altro nome che si fa insistente, è quello di Fabio Scionti, ex sindaco di Taurianova, che potrebbe essere candidato con Azione, di cui ricopre l’incarico di segretario regionale. Infine, c’è Michele Conia, sindaco di Cinquefrondi – per ora l’unico sicuro – dal momento che la sua candidatura è stata annunciata dallo stesso sulla sua pagina Facebook. «Ho accettato – si legge nel post -. Ci sono momenti storici che ti impongono di esserci.

Sarò candidato alla Camera dei deputati nel collegio uninominale Vibo – Piana Gioia Tauro, nel collegio plurinominale Calabria e nel collegio plurinominale Lazio con Unione popolare con De Magistris (firme permettendo, i “signori” hanno imposto solo a noi la raccolta firme nella settimana di Ferragosto). La mia candidatura – spiega Conia – probabilmente, è maturata, pochi mesi fa, durante un lungo e “brutto” viaggio di speranza verso nord alla ricerca di sanità e del diritto alla salute. Io non voglio e non posso rassegnarmi. Alcuni diranno che sono un folle, altri mi diranno, ma chi te lo fa fare, molti invece mi hanno spinto e mi stanno sostenendo e a loro voglio dire grazie, perché per me, tutto ha un senso se è collettivo, se è un noi».

top