sabato,Luglio 13 2024

Regione, Pd: «Edilizia a rischio con limiti a sconto in fattura, Occhiuto intervenga»

Il gruppo dem a palazzo Campanella, dopo il provvedimento del governo nazionale, invoca una presa di posizione da parte del presidente della giunta

Regione, Pd: «Edilizia a rischio con limiti a sconto in fattura, Occhiuto intervenga»

«La decisione assunta dal governo di centrodestra guidato da Giorgia Meloni è incomprensibile e mette a rischio il futuro delle imprese che operano nel settore dell’edilizia e gli stessi livelli occupazionali».
Così, in una nota, il gruppo Pd in Consiglio regionale dopo il provvedimento del governo nazionale che, praticamente, blocca lo sconto in fattura e la cessione dei crediti rendendoli possibili soltanto in
limitatissimi casi.


«Il provvedimento voluto dal governo di centrodestra – prosegue la nota del gruppo Pd – avrà un impatto devastante sull’economia nazionale e sul comparto dell’edilizia. Esso rischia di essere ancora più grave per una Regione economicamente fragile come la Calabria. Qui il tessuto imprenditoriale è in difficoltà e ancora costretto a fare i conti con la crisi innescata dalla pandemia e dall’aumento delle bollette.

Né – affermano i dem – la nostra può essere considerata una posizione strumentale. Durante i lavori della IV Commissione, tramite il consigliere Giovanni Muraca, avevamo contribuito attraverso le nostre osservazioni a migliorare la proposta di legge regionale. Il fine era quello di sostenere le imprese operanti nel settore dell’edilizia. Adesso queste stesse imprese, che sulla base delle norme vigenti fino ad oggi hanno effettuato investimenti ed assunzioni dopo i primi accordi raggiunti con i committenti, si trovano senza alcuno strumento. Esse avevano agito nella prospettiva di poter continuare ad operare alle stesse condizioni.

Nessuno sblocco dei crediti

Invece di arrivare ad uno sblocco dei crediti ancora incagliati che avrebbe dato nuovo slancio al comparto, ci troviamo davanti ad un provvedimento di segno opposto che deve essere immediatamente bloccato. Ad aggravare il quadro anche il blocco deciso dal governo.

Ciò senza ascoltare le associazioni di categoria che pure sono state audite più volte anche nella Commissione consiliare competente, in ordine alla possibilità di acquisto dei crediti da parte degli enti pubblici. Così come il centrodestra calabrese aveva proposto con la legge regionale della quale si stava discutendo.

In pratica il governo nazionale impedirà alle Regioni di poter liberare i crediti ancora incagliati. Con inevitabili conseguenze anche sul raggiungimento degli obiettivi green e di impatto ambientale. L’Europa ci impone di perseguirli e la misura avrebbe dovuto aiutare a raggiungere.

L’appello

Chiediamo al governatore Roberto Occhiuto e al centrodestra calabrese – concludono i consiglieri del Pd -di fare sentire la propria voce presso il governo sostenuto anche dal suo partito per arrivare al blocco immediato del provvedimento», conclude la nota del gruppo Pd in Consiglio regionale.

Articoli correlati

top