lunedì,Febbraio 26 2024

San Ferdinando, il Comune si mobilita per la cattura del cinghiale avvistato in spiaggia

Attivato un dispositivo per il prelievo selettivo tramite selecontrollori autorizzati

San Ferdinando, il Comune si mobilita per la cattura del cinghiale avvistato in spiaggia

Continua a generare panico nella popolazione il cinghiale avvistato sulla spiaggia di San Ferdinando lo scorso 8 febbraio, tant’è che il Comune ha attivato un dispositivo per la sua cattura. Come ha fatto sapere l’amministrazione comunale, l’intervento prevede il prelievo selettivo tramite selecontrollori autorizzati, in attività da ieri e fino al 31 marzo. Le zone perlustrate sono la Pineta, la Baia dei Pini-Dune Blu e le aree limitrofe alla spiaggia. Il sindaco Gianluca Gaetano ha così rinnovato ai cittadini l’invito «alla massima prudenza», raccomandando di evitare le zone interessate fino all’avvenuta cattura e rassicurando sul fatto che verranno puntualmente aggiornati.

Dal giorno in cui è stato avvistato per la prima volta, il cinghiale continua a gironzolare indisturbato per tutto il territorio comunale arrivando fino alla vicina Rosarno, così come testimoniano le varie segnalazioni giunte al Comune che, fin da subito, ha attivato i protocolli di sicurezza, raccomandando ai cittadini di «prestare massima attenzione, di non recarsi in spiaggia, sul lungomare e di non addentrarsi in pineta. La presenza di questo animale è fonte di grave pericolo, oltre che per le persone, anche per la circolazione stradale». Soprattutto la pineta è la zona dove maggiormente si aggira l’animale, e proprio per questo motivo attualmente è transennata.

top