martedì,Giugno 25 2024

Ponte sullo Stretto, Salvini: «Il mio mestiere è quello di sbloccare opere»

Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini a margine dell'avvio dei lavori della tratta Taormina-Fiumefreddo della linea ferroviaria Catania-Messina

Ponte sullo Stretto, Salvini: «Il mio mestiere è quello di sbloccare opere»

«Penso che i prossimi cinque anni per la Sicilia saranno una rivoluzione. Quella del Ponte sullo Stretto era una scatola vuota ferma da 12 anni. Da aprile, se tutto andrà come andrà, ci saranno degli amministratori che lavoreranno con tecnici, ingegneri, geometri ed architetti per dare all’Italia un gioiello, la mancanza del quale vanifica una parte degli investimenti. Per arrivare il treno veloce da Palermo a Messina, quello veloce da Salerno a Reggio Calabria, poi ti fermi, smonti i treni, ma se poi non c’è la continuità non ha senso».

Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini a margine dell’avvio dei lavori della tratta Taormina-Fiumefreddo della linea ferroviaria Catania-Messina nell’ambito del progetto nazionale ‘Cantieri parlanti’.

«Il Ponte sullo Stretto è una delle tante opere che stiamo sbloccando. Per la Calabria è fondamentale, ad esempio, la Statale 106, per la quale abbiamo investito tre miliardi. Ci stiamo occupando di siccità, stiamo lavorando al decreto acque, anche qui per sbloccare cantieri e dighe che sono fermi in alcuni casi anche da 30 anni. Io faccio il mestiere di quello che sblocca, che accelera, progetta, che finanzia».

«Ogni cantiere che apre – ha aggiunto – significa lavoro in più. Il miliardo di euro di opere pubbliche significa quasi 20 mila posti di lavoro vero. A propositio di Ponte, nell’arco dei lavori dei cinque anni sono centomila i posti di lavoro veri per Sicilia e Calabria».

Articoli correlati

top