giovedì,Settembre 21 2023

A Scido la prima compostiera di comunità della provincia reggina

L’evento d’inaugurazione del macchinario si terrà giorno venerdì, alle 11, all’Isola ecologica del Comune in località Lacchi di Lori

A Scido la prima compostiera di comunità della provincia reggina

Il comune di Scido ha annunciato l’avvenuta installazione sul suo territorio della prima compostiera di comunità della provincia di Reggio Calabria, una delle poche in Calabria, per la gestione della frazione organica dei rifiuti. L’evento d’inaugurazione del macchinario si terrà giorno venerdì, alle 11, all’Isola ecologica del Comune (Loc. Lacchi di Lori) alla presenza del sindaco Giuseppe Zampogna e di autorità civili, militari e religiose. Durante l’evento, aperto anche ai cittadini, verranno illustrati il funzionamento della macchina e le modalità di conferimento, verrà spiegata la tipologia di materiale organico che potrà essere conferito e si procederà a introdurre la prima quantità di rifiuto umido che subirà la trasformazione per diventare compost.

La compostiera meccanica installata è capace di gestire 60 tonnellate di rifiuto umido in un anno, ideale per un piccolo comune come quello di Scido. Tutti i suoi cittadini avranno, quindi, la possibilità di conferire attraverso il macchinario il proprio rifiuto organico che, alla fine del processo di maturazione, diventerà compost per essere, poi, utilizzato e gestito in vari possibili modi dal comune. La compostiera, prodotta dall’azienda Ecopans, è stata fornita al comune dall’azienda calabrese Dbm International Srl, importante e consolidata realtà territoriale specializzata in prodotti e software per la gestione della raccolta differenziata.

L’acquisto è stato effettuato grazie al finanziamento regionale Por Calabria Fesr Fse 2014 2020 – Asse 6 – Obiettivo specifico 6.1 – Azione 6.1.3 – Attuazione Dgr n. 225 del 29/05/2017 e Dds10587 del 27/09/2018 concernente la procedura negoziale per la realizzazione dei centri di compostaggio di prossimità nei comuni calabresi. Obiettivo del finanziamento è stato quello di supportare i piccoli comuni, specie quelli montani, distanti dagli impianti di trattamento dei rifiuti solidi urbani, nella realizzazione di impianti di compostaggio di prossimità. La scelta da parte dell’amministrazione di dotare il comune di Scido di una compostiera di comunità rappresenta, inoltre, un virtuoso esempio di economia circolare in quanto da materiale di rifiuto si produrrà nuovo materiale d’uso.

L’impiego di questa macchina consentirà al comune, infine, di trattare in modo efficiente ed economico la frazione organica della raccolta differenziata, che è quella che nei comuni trova più difficoltà ad essere gestita, producendo compost di ottima qualità. I vantaggi per il Comune sono: conferire il rifiuto organico in qualsiasi momento; evitare il deposito dei rifiuti in zone di passaggio; rendersi autonomi nella gestione dei propri rifiuti riducendone i costi relativi; evitare la produzione di odori e percolati; evitare di attrarre animali e insetti nei luoghi di deposito; possibilità di riduzione sulla bolletta Tari; Produrre un compost a km 0 da riutilizzare sui terreni e ridurre le emissioni nocive di CO2 generate dal trasporto dei rifiuti».

top