martedì,Giugno 25 2024

Museo del Mare a Reggio, l’azienda conferma: fine lavori entro dicembre 2026

Il consigliere delegato Romeo: «Abbiamo concordato di fare una sorta di lotto zero: vanno liberate delle aree. Stiamo facendo degli incontri con gli attori interessati»

Museo del Mare a Reggio, l’azienda conferma: fine lavori entro dicembre 2026

Buone notizie per la realizzazione del museo del mare (o del Mediterraneo) a Reggio Calabria. Un iter che vedrà la luce entro dicembre 2026, come anticipato dai progettisti. Un’idea che trova oggi conferma proprio da parte dell’impresa, la Cobar, che procederà alla realizzazione dell’opera.

C’è grande fiducia nella ditta che si è aggiudicata il bando perché ha già eseguito i lavori del Waterfront cittadino e, proprio nei pressi, tornerà all’opera.

Come afferma Carmelo Romeo, consigliere delegato dal sindaco alla realizzazione del Museo: «Abbiamo fatto grandi passi avanti. Avviata la convenzione con Zaha Hadid, lo studio lavoro al progetto esecutivo. Non siamo mai stati così avanti. Parallelamente sono state fatte le gare con Invitalia per la costruzione dell’opera e per i verificatori del progetto. Insieme al sindaco ff Paolo Brunetti e al dirigente del settore Lavori pubblici, abbiamo incontrato la ditta che realizzerà il museo. L’incontro è stato molto proficuo e abbiamo discusso in base al progetto che loro hanno su come improntare il lavoro, come blindare le procedure e chiedere supporto per essere tutelati.

L’impresa ci ha confermato che, se i tempi di consegna del progetto esecutivo verranno rispettati, e a oggi non c’è motivo di credere che non lo saranno, il fin lavori darà dicembre 2026. Per me è stata una grande rassicurazione».

Il lotto zero

Ancora chiarisce Romeo: «Abbiamo concordato di fare una sorta di lotto zero: intanto vanno liberate delle aree, ancora stiamo facendo degli incontri con gli attori interessati (vigili del fuoco, capitaneria, Autorità portuale) in relazione a manufatti esistenti. Una volta risolte queste situazioni si potrà cantierizzare l’area».

Articoli correlati

top