venerdì,Ottobre 30 2020

Ospedale di Polistena? Il comitato per la salute della Piana incalza Bray

Il portavoce del comitato, Michele Galimi, ha rimarcato come il numero ridotto di anestesisti, rischia di paralizzare anche gli altri reparti, con il pericolo della negazione immediata di ogni prestazione di emergenza e di qualsiasi intervento programmato.

Ospedale di Polistena? Il comitato per la salute della Piana incalza Bray

Una delegazione del “comitato per la salute” della piana,ha incontrato il direttore sanitario dell’Asp reggina, Antonio Bray, per affrontare i problemi legati alla carenza di organici che sta registrando il P.O. polistenese.

Il portavoce del comitato, Michele Galimi, ha rimarcato come il numero ridotto di anestesisti, rischia di paralizzare anche gli altri reparti, con il pericolo della negazione immediata di ogni prestazione di emergenza urgenza e di qualsiasi intervento programmato.

La delegazione ha evidenziato tutto il proprio stupore e disappunto, anche per i disagi che stanno interessando i cittadini, per la chiusura dello sportello abilitato al rilascio dei ticket ed alla scelta del medico di fiducia.

«E’oltremodo grave e scandaloso, che a causa della malattia che sta interessando l’operatrice in questione, si mandano i pazienti a Taurianova, sottoponendoli a lunghe file, senza aver pensato di sostituire immediatamente con altro personale amministrativo, che pur risulta attivo nei locali della ex saub polistenese, il responsabile del servizio assente».

Il direttore sanitario aziendale, in merito a quest’ultimo disservizio, ha dato assicurazioni alla delegazione, che entro martedì 12 Novembre, lo sportello riprenderà il suo normale servizio. Bray ha dato tutto il suo impegno per risposte concrete, strutturali per il potenziamento dell’ospedale, riportando intanto all’interno dei reparti, quei medici che sono stati dirottati sul territorio. Partirà fra qualche giorno la nomina ufficiale di quei responsabili di reparto (art 18),lasciati irresponsabilmente vuoti per molti mesi.

Il comitato ritornerà a Reggio Calabria fra circa 15 giorni, per verificare se ogni procedura utile a colmare le preoccupazione del personale e della gente, sia stata avviata. «La manifestazione di Polistena, alla quale abbiamo partecipato con entusiasmo, dimostra che la gente è stanca, ha preso coscienza che su questa materia l’impegno e la mobilitazione non dovranno subire soste od interruzione.Il comitato starà sempre accanto ai sindaci, alle associazioni ed ai sindacati, finché non si avrà certezza che i livelli essenziali di assistenza, finiranno di rappresentare solo un sogno».