venerdì,Aprile 16 2021

Coronavirus a Reggio Calabria, per San Francesco funzioni religiose a porte chiuse

Da Paola a Catona tante le celebrazioni in onore del patrono della gente di mare

Coronavirus a Reggio Calabria, per San Francesco funzioni religiose a porte chiuse

Da Paola a Catona tante le celebrazioni in onore del patrono della gente di mare. L’emergenza sanitaria da Covid 19 a cui tutta l’Italia è chiamata a rispondere col buon senso e spirito di abnegazione, spinge l’essere umano a riflettere sull’essenzialità della vita. Quella stessa semplicità a cui ci ha abituati San Francesco da Paola, patrono della Calabria e della gente di mare.

L’eremita fondatore dell’Ordine dei Minimi, è stato ricordato e omaggiato ieri , seppur in maniera insolita rispetto agli altri anni, in tutta la regione da Paola sino a Catona, con funzioni religiose a porte chiuse (recita dei vespri e racconto del Pio Transito), viste le restrizioni del governo.

Il santo, simbolo della carità, ha operato prodigi a favore di tutti, in particolare dei poveri e degli oppressi, e mai come in questo momento la povertà è una condizione nella quale molti italiani si trovano a dover fare i conti per via di un mostro invisibile i cui effetti incidono anche e soprattutto sul tessuto socio-economico. Ed ecco che San Francesco ci ricorda come tutta la comunità cristiana deve continuare a esprimere un amore incondizionato verso Dio e verso il prossimo.

Articoli correlati

top