venerdì,Novembre 27 2020

Coronavirus a Rosarno, positivi due assessori comunali

I due amministratori si trovano in isolamento da diversi giorni. Dopo il contagio di un dipendente delle Poste, inoltre, disposta la sanificazione dei locali

Coronavirus a Rosarno, positivi due assessori comunali

Si allarga il contagio da coronavirus a Rosarno, nel Reggino. Ieri sono risultate positive altre quattro persone. E tra i nuovi casi anche due amministratori comunali. La notizia è stata confermata dal sindaco Giuseppe Idà: «Come vi avevamo anticipato nelle precedenti comunicazioni – aggiunge –  i numeri sono destinati ad aumentare, per questo la cosa più importante da fare è osservare in maniera scrupolosa le regole anti-contagio e non rincorrere pettegolezzi che creano disinformazione».

Assessori in isolamento da giorni

Gli assessori positivi, Giuseppe Palaia e Maria Dora Sorrenti «hanno adottato ogni cautela possibile e al presentarsi dei sintomi hanno osservato la misura della quarantena, limitando al massimo ogni tipo di contatto, tant’è che sono trascorsi più di 13 giorni dall’ultima presenza presso i Pubblici uffici, e nessuna criticità di tipo sanitario è stata fino ad oggi rilevata. Nel caso altri pubblici amministratori dovessero risultare positivi al Covid-19 sarete puntualmente informati».

Poste sanificate 

Il lavoro da parte dell’amministrazione è incessante, assicura Idà: «Stiamo facendo il possibile per contenere la diffusione del virus sul territorio, infatti – sostiene – in data odierna è stata effettuata la sanificazione del Palazzo Comunale e, di intesa con il dirigente scolastico, abbiamo concordato il raddoppio dei turni di sanificazione ed igienizzazione di tutte le scuole. Infine vi informiamo che tra i contagiati, vi è anche un dipendente delle Poste di Rosarno, per tale ragione oggi l’Ufficio è rimasto chiuso al pubblico al fine di effettuare un’accurata sanificazione dei locali. A causa del personale in quarantena – conclude il sindaco – l’ufficio riaprirà a partire da domani ma con orario ridotto (8:20 -13:35)».