venerdì,Novembre 27 2020

Coronavirus Villa San Giovanni, tre nuovi casi positivi e cimiteri chiusi

Salgono a 26 i casi accertati con due guariti. La sofferta decisione di chiudere i cimiteri nei giorni della commemorazione dei defunti

Coronavirus Villa San Giovanni, tre nuovi casi positivi e cimiteri chiusi

«Tre nuovi casi. Il conteggio complessivo della seconda ondata sale a 26 casi accertati di cui 2 guariti. Anche gli ulteriori pazienti positivi si trovano in isolamento domiciliare da giorni. È già attiva la procedura per il rintraccio dei contatti per isolare eventuali clusters di contagio». Così l’amministrazione comunale di Villa San Giovanni.

«Ribadiamo l’invito al rispetto delle misure precauzionali di prevenzione, igiene e profilassi: uso della mascherina, distanziamento sociale, lavarsi spesso e bene le mani, non toccarsi con le mani orecchie, naso e bocca. Non abbassiamo la guardia, la curva dei contagi è in aumento. Per quanto riguarda la commemorazione dei defunti, aver dovuto chiudere i cimiteri della Città, proprio in corrispondenza di questa sentita e partecipatissima ricorrenza, è stata una decisione sofferta e dolorosa da prendere. Ce ne scusiamo con tutti i cittadini che non potranno portare un fiore ai propri cari defunti. Tuttavia, vista la curva dei contagi in forte salita e per come concordato con gli altri sindaci, la decisione è stata dettata solo ed esclusivamente per la tutela della salute dei cittadini. Villa, peraltro, essendo un comune di grandi dimensione e popolazione, accoglie, ogni anno, moltissimi visitatori che avrebbero affollato i cimiteri. In questo particolare momento ogni piccolo errore di valutazione può determinare la formazione di focolai che farebbero innalzare la curva dei contagi ed il numero di positivi, ingestibili stanti la condizione di carenza di posti letto e sopratutto di quelli di terapia intensiva e la carenza di organico delle strutture sanitarie della provincia», conclude la nota.