sabato,Dicembre 5 2020

Sanità calabrese, Cannizzaro: «Serve un commissario, un professionista figlio di questa terra»

Il deputato azzurro con una lettera ha presentato la richiesta urgente al ministro alla Salute Speranza

Sanità calabrese, Cannizzaro: «Serve un commissario, un professionista figlio di questa terra»

«Lo abbiamo detto con forza in tutte le sedi e lo abbiamo ribadito ieri nell’aula di Montecitorio al presidente Conte e al ministro della salute Speranza che Saverio Cotticelli, il commissario ad acta, era inadeguato a guidare il comparto sanitario calabrese, figuriamoci ad affrontare ed aggredire l’emergenza covid». Queste le parole di Francesco Cannizzaro, deputato reggino di Forza Italia in un video su Facebook.

«Tre minuti di intervista rilasciata alla Rai – prosegue – sono bastati per palesare al mondo la sua inadeguatezza ed incapacità. Se oggi la Calabria si ritrova ad essere zona rossa, la responsabilità è totalmente del governo centrale e delle sue scelte. Basta con questi nomi dei commissari: Scura prima, Cotticelli, Cotticelli bis, questi super tecnici arrivati da fuori.

Io credo che la Calabria oggi debba ribellarsi, riappropriarsi del proprio territorio e riportare nelle proprie mani il destino di questa meravigliosa terra. Per questo ho scritto al ministro Speranza affinchè sia nominato immediatamente un commissario, figlio di questa terra, un professionista della sanità, un calabrese doc che ne conosce le peculiarità, le debolezze, i punti di forza dai quali dover ripartire per riformare un comparto così delicato. Solo così possiamo ridare un diritto ormai negato da decenni a tutti i calabresi».