sabato,Novembre 28 2020

Elisoccorso, Locri delibera per il servizio notturno attivo già dal 1° dicembre

È emerso che l'unico motivo per il quale non viene autorizzato l'utilizzo della elisuperficie di Locri nelle notturne è la mancanza di una convenzione per la reperibilità del personale antincendio in tale fascia oraria

Elisoccorso, Locri delibera per il servizio notturno attivo già dal 1° dicembre

Il sindaco Calabrese: «Per una modifica alla convenzione che costa solo 10.000 euro annui, nella Locride non funzionava il servizio notturno». Il Comune di Locri non ci sta e delibera l’atto.

Un altro traguardo raggiunto per il bene della collettività, perché per la salute e la tutela del diritto a curarsi non dovrebbero esserci intoppi burocratici o servizi a metà. Così a Palazzo di Città, durante il periodo di emergenza sanitaria che si aggiunge a quella epidemiologica, oltre il lavoro e i servizi da erogare per la comunità, ci si interroga sulla situazione dell’elisoccorso.

È Calabrese, il sindaco locrese che, ieri mentre faceva il sopralluogo per l’allestimento dell’ospedale campo con l’Esercito Italiano e della Protezione Civile Calabria, pensava al disservizio e si è interrogato sulla faccenda. «Da anni – spiega- chiediamo a gran voce il funzionamento della pista dell’elisoccorso nelle ore notturne.

Nessuno ha però mai voluto chiarire il perché di questo disservizio che invece è fondamentale per salvare la vita dei cittadini della Locride». Il sindaco e l’Amministrazione comunale la città di Locri hanno deciso di andare in fondo a questa vicenda, quindi. 

È emerso che l’unico motivo per il quale non viene autorizzato l’utilizzo della elisuperficie di Locri nelle notturne è la mancanza di una convenzione per la reperibilità del personale antincendio in tale fascia oraria.  Incredibile, ma vero. 

A seguito di interlocuzione con la società che gestisce l’elisuperficie e con la società che gestisce il personale antincendio, l’Amministrazione comunale ha ricevuto l’offerta per il costo del personale antincendio con nota prot.24369 del 17.11.2020.

Mentre la società che gestisce l’elisuperficie con nota Prot. 24370 ha confermato che l’Enac ha emesso l’autorizzazione n. 586 per l’utilizzo del l’elisuperficie con “operatività notturna” e che si rende disponibile all’utilizzo immediato in presenza del personale antincendio. 

Il costo di tale personale comunicato al Comune di Locri si aggira intorno a €10.000 annui. Parliamo di cifre irrisorie ma fondamentali per garantire un servizio salvavita di importanza strategica per i cittadini della Locride. 

A seguito di proposta formale delle società che gestiscono il servizio, ieri la giunta Municipale con la Delibera numero 100, ha deliberato, nelle more, che gli enti di competenza si facciano carico dei costi necessari per garantire l’importante servizio, di farlo con fondi propri. 

«Assurdo che fino ad oggi per non modificare una convenzione e per non trovare pochi spiccioli non si sia stato attivato il funzionamento dell’elisuperficie nelle ore notturne considerato che il servizio trova oggi copertura dalle ore 7 al tramonto» chiosa Calabrese. 

Grazie a questo intervento si è dato mandato ai competenti uffici comunali a perfezionare l’accordo con le società che gestiscono l’elisuperficie di Locri e il relativo servizio antincendio.  Sarà attivo già dal primo dicembre, come riferito dalla società.

«Tutto ciò conferma che spesso non si arriva alla soluzione e non si attuano interventi per incompetenza, indolenza e menefreghismo. Noi andiamo oltre e, soprattutto, in quello che facciamo, per la collettività di Locri e della Locride ci mettiamo il cuore» conclude Calabrese.