martedì,Dicembre 1 2020

Coronavirus a Locri, altri 10 nuovi casi positivi. L’appello del sindaco

Il primo cittadino richiama la popolazione al buon senso: «Qualcuno cerca di nascondere la positività. Non c'è nulla di cui vergognarsi»

Coronavirus a Locri, altri 10 nuovi casi positivi. L’appello del sindaco

Altri dieci casi di Coronavirus sono stati accertati a Locri. A darne notizia, attraverso la sua pagina Facebook, è il sindaco Giovanni Calabrese. Il totale ammonta a circa 60 contagi in città.

«Il nemico invisibile è insidioso e non ci sta dando tregua – sostiene il primo cittadino – Nella Locride abbiamo abbondantemente superato i 600 casi certi e presumiamo siano intorno agli 800. Non ci è chiara la situazione dei test antigenici rapidi. Molti sono positivi ma non vengono tracciati a causa di un corto circuito nel sistema di comunicazione tra istituzioni sanitarie, militari e civili. Altri cercano di nascondere la positività. Non c’è nulla di cui vergognarsi.Io, dopo la positività di mio padre, sono stato informato che anche mia madre è risultata positiva. Situazione che sto affrontando con responsabilità e preoccupazione trattandosi di persone anziane».

«Malgrado ciò continua senza sosta il mio impegno per fare in modo che vengano messe in campo tutte le misure possibili per tutelare la nostra comunità. Dobbiamo però agire tutti responsabilmente e tutelarci vicendevolmente. Invito tutte le persone positive ai test rapido a farcelo sapere. È un obbligo e un dovere nei confronti di tutta la collettività. Servono comportamenti responsabili. Da domani avvieremo un confronto tra istituzioni per migliorare il sistema della tracciabilità dei positivi sia al tampone antigenico che a quello molecolare. Intanto cerchiamo di ridurre al minimo gli spostamenti e ad essere prudenti rispettando il distanziamento sociale e l’utilizzo della mascherina».