giovedì,Dicembre 2 2021

Coronavirus Reggio Calabria, al via ad Arghillà lo screening di massa

L'iniziativa della Croce Rossa e della Caritas diocesana che hanno effettuato i tamponi gratuitamente

Coronavirus Reggio Calabria, al via ad Arghillà lo screening di massa

Stamattina presso il Centro diurno della Parrocchia Di Sant’Aurelio Vescovo di Arghillà si è svolto uno screening sulla popolazione residente. La Croce Rossa Italiana Comitato di Reggio Calabria di concerto con la Caritas Diocesana e la Comunità Parrocchiale hanno effettuato gratuitamente i tamponi e supportato così lo studio comparato tra i vari tipi di tamponi.

La CRI attraverso i suoi volontari ha effettuato 155 tamponi molecolari e contemporaneamente processato i tamponi rapidi antigenici ed a lettura in fluorescenza. 465 tamponi per verificare l’attendibilità degli stessi ed allo stesso tempo effettuare uno screening di comunità. La task force del Comune guidata da Fabio Foti vuole così testare, con la certificazione dell’Universita di Catanzaro che analizzerà i tamponi molecolari, l’attendibilità dei tamponi rapidi.

«Un ringraziamento sentito e particolare a tutti i volontari CRI Comitato di Reggio Calabria per la partecipazione e l’ottima performance lavorando in silenzio e rapidità dimostrando le loro caratteristiche e la loro dedizione ai vulnerabili – afferma il presidente Daniela Dattola – Un grazie particolare alla Caritas Diocesana e alla Comunità parrocchiale per la perfetta simbiosi con la CRI, a Antonio Marsico e Mariella Quattrone ai ragazzi che ci hanno supportato ed aiutato. Grazie al Parroco Don Nino Iannò e a Don Nino Pangallo. Ringrazio infine Tita La Rocca per il suo impegno instancabile, sempre pronta a donare il suo tempo per chi non ha voce, è una donna forte e splendida».

Articoli correlati

top