venerdì,Aprile 16 2021

Coronavirus a Oppido Mamertina, scuole chiuse fino al 17 aprile

Il sindaco Barillaro: «Misura necessaria visto l’aumento esponenziale dei casi e le previsioni per i prossimi giorni»

Coronavirus a Oppido Mamertina, scuole chiuse fino al 17 aprile

Tutte le scuole di Oppido Mamertina rimarranno ancora chiuse fino al 17 aprile. È quanto ha deciso il sindaco Bruno Barillaro che, con l’ordinanza n. 92 di ieri, ha prorogato la chiusura già disposta con l’ordinanza n. 38 del 17 marzo scorso, con la quale sospendeva la didattica in presenza dal 18 al 27 marzo, di tutte le scuole di ogni ordine e grado, comprese le paritarie.

L’intero comune era stato dichiarato “zona rossa” dalla Regione lo scorso 25 marzo, e tale misura sarebbe dovuta scadere domani, ma dal momento che tutto il territorio regionale è stato successivamente (il 4 aprile scorso) individuato come zona rossa fino al 21 aprile, il primo cittadino di Oppido, visto l’aumentare dei casi di positività che si stanno continuando a registrare in paese, ha ritenuto conveniente prorogare la chiusura delle scuole – di fatto il decreto legge n. 44 dell’1 aprile scorso, dispone sul tutto il territorio nazionale lo svolgimento in presenza dei servizi educativi per l’infanzia e dell’attività scolastica e didattica della scuola dell’infanzia, della primaria e del primo anno di frequenza della secondaria di primo grado.

«Da un’analisi effettuata sui soggetti complessivamente risultati positivi – ha spiegato Barillaro – è emerso che gli studenti e i bambini che frequentano rispettivamente le scuole e i servizi educativi di Oppido centro e frazioni, appartengono a nuclei familiari in cui i genitori sono risultati positivi al virus, e hanno avuto contatti con svariate altre persone di altri nuclei familiari. Pertanto, la riapertura delle attività didattiche in presenza, prevista per oggi, appare ancora rischiosa per la possibile veicolazione del virus tra gli studenti che potrebbero essere venuti in contatto con le persone attualmente positive».

Il primo cittadino ha così optato per la chiusura delle scuole, in modo tale da cercare di evitare che si formino dei focolai, dopo aver constatato che «le previsioni per i prossimi giorni fanno ipotizzare un ulteriore aumento dei positivi, dovuto al trascorrere del periodo di incubazione».

top