martedì,Giugno 25 2024

Evento storico a Taurianova, i sindaci dell’Ambito territoriale approvano il Piano di zona

Ieri mattina la conferenza dei sindaci del Distretto socio-sanitario n. 3, durante la quale è stata siglata la Convenzione per la gestione associata dei servizi sociali. Particolarmente soddisfatto il sindaco di Oppido Mamertina che potrà adesso assumere un assistente sociale a tempo pieno

Evento storico a Taurianova, i sindaci dell’Ambito territoriale approvano il Piano di zona

Si è svolta ieri mattina, nell’aula consiliare del comune di Taurianova, la conferenza dei sindaci dell’Ambito territoriale del Distretto socio-sanitario n. 3, che comprende i comuni di Taurianova (capofila), Cittanova, Cosoleto, Delianuova, Molochio, Oppido Mamertina, Santa Cristina d’Aspromonte, Scido, Terranova Sappo Minulio e Varapodio. Tutto il percorso dell’Ambito territoriale, centrato sulla costruzione e sullo sviluppo di un welfare di comunità in grado di fronteggiare in maniera adeguata rischi e bisogni dei cittadini, ha visto una significativa consacrazione del percorso, con l’assunzione di personalità giuridica, con la prospettiva di strutturare e potenziare in maniera permanente i servizi sociali e soprattutto con l’approvazione del Piano sociale di zona.

È stata infatti, siglata la Convenzione per la gestione associata dei servizi sociali che di fatto formalizza l’assetto organizzativo dell’Ambito e sottoscritto un accordo tra i Comuni per il potenziamento strutturale del sistema dei servizi sociali comunali, che consentirà di assumere assistenti sociali in rapporto di uno su 4 mila abitanti a tempo indeterminato, sfruttando le opportunità previste dalla Legge di bilancio 2021. «L’elevata importanza dei punti all’ordine del giorno – ha spiegato il sindaco di Taurianova Roy Biasi – scattano una storica fotografia sul welfare locale che si è sviluppato e sulla “visione” futura che si vuole realizzare, che prende forma nel Piano di zona, strumento sostanziale per disegnare il sistema integrato di interventi e servizi sociali.

Un Piano di zona centrato sul welfare relazionale che costruisce reti nelle comunità, come “sistema di cura” e che evolve nella direzione di un welfare generativo, un welfare come motore di sviluppo che nel tempo crea buona occupazione e riduce le disuguaglianze redistribuendo risorse e favorendo l’inclusione sociale. È l’esperienza che si è cercato di realizzare anche con la concertazione vissuta nei tavoli tematici di questo primo Piano di zona della storia di questo territorio». Biasi ha sottolineato che «gli obiettivi e le priorità di sistema sono sempre stati definiti all’interno di un confronto politico costruttivo con tutti i sindaci dell’Ambito, che ringrazio per la loro particolare sollecitudine e attenzioni ai temi sociali e che dimostrano una lungimiranza nel lavorare sempre dentro l’ottica del bene comune, in piena condivisione e collaborazione con l’Ufficio di Piano che traduce nella pratica gli indirizzi politici, caratterizzati lungo lo sviluppo armonico di una visione comune».

Un ringraziamento speciale, il primo cittadino di Taurianova l’ha poi rivolto all’assessore al Welfare Angela Crea, «che ha seguito e accompagnato con competenza e puntualità i lavori di redazione del Piano di zona con particolare attenzione ai tavoli tematici, tutti da lei presieduti, e con uno spirito esemplare di raccordo e collaborazione con l’Ufficio di Piano, nei confronti del quale esprimo vivo ringraziamento e congratulazioni per il lavoro svolto».

Anche il sindaco di Oppido Mamertina Bruno Barillaro ha voluto esprimere la sua soddisfazione per l’importante avvenimento, che grazie alla sottoscrizione dell’Accordo di programma, permette ai Comuni di assumere in pianta organica a tempo indeterminato un assistente sociale. Nello specifico, ad Oppido, un assistente sociale a tempo pieno, come approvato dalla Giunta comunale con la delibera n. 68 di mercoledì. «Questo importante traguardo, che viene realizzato grazie ad un contributo ministeriale – ha affermato Barillaro – segna finalmente una data storica nelle politiche sociali dei comuni calabresi, che fino ad oggi, non potendo assumere con risorse proprie a causa dei rigidi meccanismi matematici sulle assunzioni, dovevano rivolgersi alle Asp competenti in caso di necessità e, quindi solo per la gestione delle emergenze.

Non possono esservi servizi sociali funzionanti, se manca la figura dell’assistente sociale, indispensabile nella programmazione degli interventi e nella gestione delle problematiche, che nel nostro Comune sono particolarmente numerose e diversificate e che si sono acuite con la pandemia da Covid-19. Un percorso questo molto arduo e travagliato che ha portato finalmente all’Accordo siglato, grazie al quale il comune di Oppido avrà presto una figura stabile e a tempo pieno». Il primo cittadino di Oppido ha poi ringraziato il sindaco di Taurianova e tutti i sindaci dell’Ambito, «per aver agito sempre in un’ottica di condivisione e bene comune», e i funzionari componenti dell’Ufficio di Piano, che «con abnegazione e determinazione hanno condotto i comuni afferenti al Distretto a tali importanti risultati, da cui l’intera comunità trarrà beneficio».

top