mercoledì,Giugno 16 2021

AstraZeneca, nessun passo indietro della Regione che ne conferma l’uso anche per le categorie sconsigliate

Il componente dell'unità di crisi Ludovico Abenavoli: «Troppa discrezionalità». Per gli over 20 i sieri a vettore virale vengono ancora impiegati. Il sottosegretario Sileri ammonisce: «Ci vuole prudenza»

AstraZeneca, nessun passo indietro della Regione che ne conferma l’uso anche per le categorie sconsigliate

di Luana  Costa – Nessun passo indietro sulla tabella di marcia. La Regione conferma l’uso dei vaccini a vettore virale, segnatamente AstraZeneca e Johnson & Johnson, anche per quelle categorie espressamente sconsigliate da Aifa. A sostenerlo è Ludovico Abenavoli componente dell’unità di crisi e medico gastroenterologo del policlinico universitario di Catanzaro che oggi dichiara «Per noi fanno fede le indicazioni dell’Aifa che raccomanda un uso preferenziale per gli over 60 di Astrazeneca. Se dovessero cambiare le indicazioni, ovviamente, ci adegueremmo». 

Il fuoco delle polemiche

Le affermazioni fanno seguito ad una accesa polemica che già da giorni infiamma il dibattito pubblico sull’uso forse indiscriminato dei due preparati raccomandati solo per gli over 60. Ma se finora ad esprimersi erano stati soli gli esperti, oggi la “parziale” censura era arrivata direttamente dal Governo e dal sottosegretario al ministero della Salute, Pierpaolo Sileri, che aveva preso posizione confermando che nel dubbio sarebbe consigliabile «la massima precauzione possibile. Soprattutto nelle donne, dove sono state osservate alcune complicanze legate a questo vaccino, va usato probabilmente con maggior giudizio». 

Continua a leggere su LaCnews24.it

top