lunedì,Ottobre 3 2022

Siderno, il Comitato “Casa della Salute”: «A che punto è il progetto»

Preoccupati dal silenzio sul progetto esecutivo, i membri, chiedono di convocare una riunione ad hoc nella cittadina ionica

Siderno, il Comitato “Casa della Salute”: «A che punto è il progetto»

Il Comitato “Casa della Salute” di Siderno, è ancora in attesa di sapere a che punto è il progetto esecutivo della ristrutturazione dell’ex Ospedale di Siderno, destinato a Casa della Salute.

La richiesta di notizie è stata recapitata per posta con una lettera inviata al Presidente della Regione e Commissario ad acta Roberto Occhiuto, al Commissario dell’Asp di Reggio Calabria, Lucia Di Furia, e al sindaco del Comune di Siderno, Maria Teresa Fragomeni, ricordando che in data 5 ottobre 2021, – Prot. nr. 0243098 del 05/10/2021 -, venne aggiudicato all’operatore economico Rtp costituendo Euro project engineering consulting Srl (mandataria) – Postorino &Associates engineering Srl, Professionisti Srl (mandanti) il progetto esecutivo.

«In data 25 marzo 2022 – si legge – i tecnici della società aggiudicataria, alla presenza del responsabile delle attività tecniche dell’Asp, architetto Roberto Mittiga e altri dipendenti, visitavano l’ex-ospedale di Siderno, per aver un quadro della situazione della struttura dell’edificio e degli interventi necessari. Alle ore 10,30 circa, nella sala della direzione dell’ex ospedale di Siderno, con i suddetti, presente la dirigente Silvana Murdaca, il sindaco di Siderno, e come osservatori del Comitato, Salvatore Albanese e Francesco Martino, si è svolto un incontro in cui si discute, come primo punto, della prosecuzione dei lavori e dei tempi per la consegna del progetto esecutivo e del relativo quadro economico necessario».

In quell’occasione fu affermato che, a fine agosto, prima del completamento del progetto esecutivo, si sarebbe organizzato un incontro, a Siderno, di presentazione di tale progetto, affinché il Comune potesse presentare osservazioni riguardo allo stesso.

«Alla data odierna, per quanto ci risulta – ribadisce il Comitato – nessuna comunicazione sul merito ci è arrivata. Abbiamo il dubbio che i lavori siano in ritardo e vorremo avere informazioni più precise, memori dei differimenti che in questi anni si sono verificati e che solo la nostra iniziativa, dopo 13 anni di ritardi, è riuscita a riportare all’attenzione e a sbloccare l’iter, che era fermo, senza motivo, all’Asp di Reggio Calabria».

Albanese e Martino si dicono dunque preoccupati del silenzio sulla vicenda.

«Non è possibile accettare ulteriori ritardi, visto che sono già oltre 10 gli anni di attesa per avere una struttura capace di erogare servizi essenziali per la tutela della salute dei cittadini di questo comprensorio. Non siamo disposti ad accettare ulteriori meline e ritardi che negano il sacrosanto diritto a curarsi».

«Vorremmo sapere a che punto è il progetto e – concludono – chiediamo che venga convocata la riunione prevista a Siderno, al più presto possibile, di presentazione delle linee guida, in modo che vengano ascoltati i suggerimenti del Comune».

Articoli correlati

top