lunedì,Ottobre 3 2022

Malasanità a Messina, donna di Africo morì dopo intervento chirurgico: medici condannati

La 76enne Anna Morabito fu operata il 7 marzo del 2016, ma morì il 29. Otto mesi ciascuno a due sanitari dell’Ortopedico di Ganzirri

Malasanità a Messina, donna di Africo morì dopo intervento chirurgico: medici condannati

Sono stati condannati a otto mesi di reclusione i medici Giancarlo Gemelli e Giacomo Morabito, dell’Istituto ortopedico del Mezzogiorno d’Italia “Franco Scalabrino” di Messina, per la morte della 76enne Anna Morabito, originaria di Africo.  Il giudice monocratico Alessandra Di Fresco, riconoscendo ad entrambi le attenuanti generiche e i benefici della sospensione della pena e della non menzione della condanna, ha accolto in parte la richiesta del pubblico ministero Roberta La Speme che aveva chiesto una pena pari a dieci mesi.

I fatti risalgono al 2016 quando la signora Morabito per una brutta caduta in casa si recò al Policlinico per sottoporsi ad accertamenti. Da lì il trasferimento all’Ortopedico di Ganzirri dove, il 7 marzo, fu sottoposta ad intervento di cifoplastica vertebrale, a seguito del quale l’anziana donna si lamentò di non avvertire più sensibilità agli arti inferiori. Qualche giorno dopo i familiari furono avvertiti che la signora Anna era affetta da paraplegia agli arti inferiori anche a causa di un ematoma nel focolaio chirurgico.

Proprio da qui sorsero i dubbi dei familiari sull’intervento che interessò la donna. Anche perché trasferita all’ospedale Papardo i medici sostennero che se aspirato in tempo l’ematoma non avrebbe compromesso l’uso degli arti inferiori. Tuttavia la donna morì il 29 marzo.

Articoli correlati

top