martedì,Novembre 29 2022

Reggio, l’hospice Via delle Stelle celebra la giornata delle cure palliative

La struttura ha organizzato un'articolata manifestazione con momenti di musica e degustazione di vino

Reggio, l’hospice Via delle Stelle celebra la giornata delle cure palliative

Il diritto alle cure in ogni fase del percorso di malattia. L’11 novembre, giornata in cui si celebra San Martino, cade la Giornata Nazionale dedicata alle Cure palliative, la cui etimologia rimanda al “pallium”, il mantello divenuto simbolo del prendersi cura di chi soffre, garantendo una cura che, proprio come un mantello, riscalda, abbraccia, avvolge.


Per questo, nel giorno di San Martino, nell’Hospice “Via delle Stelle” di Reggio Calabria, sono stati organizzati dei momenti di riflessioni, condivisione e festeggiamenti. Il tutto in seno al più ampio contenitore dello “SpazioCultura … la Cultura che Cura”, coordinato dall’ideatrice Psicologa Psicoterapeuta Francesca Arvino, attivo ormai da tre anni. Un’iniziativa finalizzata a garantire la dignità e la migliore qualità di vita
alle Persone fragili ed ai loro familiari in una fase particolarmente delicata e complessa del loro percorso di vita.

Le melodiose note dei musicisti Giuseppe Gambardelli, alla chitarra, e Francesca Borrello, alla voce, hanno dato il là alla mattinata culturale, che ha avuto la sua apertura con i saluti del presidente della Fondazione
VdS, Vincenzo Nociti, che ha inteso sottolineare la preziosità della struttura socio sanitaria reggina, quale bene appartenente alla città e come tale da tutelare.

Cristina Caridi, referente dello SpazioMusicale, ha moderato con il consueto entusiasmo i vari interventi che si sono succedutisi nel salotto dell’Hospice, alla presenza degli Ospiti, dei loro cari e degli Operatori dell’equipe. Quest’ultimi associati da Don Vincenzo Catania, al frutto del
melograno
e ai suoi chicchi rossi, tutti uniti e compatti verso un obiettivo comune, ovvero prendersi cura di chi affronta la malattia e del nucleo familiare.

Così come la presa in carico globale dell’unità sofferente da parte di un’equipe multidisciplinare dà come frutto la cura amorevole e professionale finalizzata al sollievo dalla sofferenza fisica, psicologica e sociale, similmente un’accurata e complessa lavorazione dell’uva da parte di professionisti del settore dà come frutto un vino di qualità.

La Cultura del vino

«La produzione vinicola è un’eccellenza italiana, fonte di orgoglio in tutto il mondo», con queste parole Carmelo Romeo, delegato dell’Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Vino), ha preso la parola,
descrivendo con passione l’esperienza che da oltre 60 anni più di 50000 assaggiatori formati sperimentano nella degustazione del vino.

Il vice delegato dell’Onav, Franco Moscato, precisa la finalità ultima che è
quella di promuovere la cultura del bere consapevole e la cultura del vino, che viene analizzato con competenza e che viene valutato per caratteristiche e tipicità.

Tutte peculiarità del vino che vengono determinate fin dalla coltivazione della vite. Lo sa bene Nino Zumbo, socio della Cooperativa Agricola “Terre Grecaniche”, esempio virtuoso sviluppato in un’area particolare della Calabria, produttori di uve biologiche in vigneti che si affacciano sul promontorio di Capo Spartivento sul Mar Ionio, dove spiccano tipicità territoriali e biodiversità. Affinché il miracolo della natura si ripeta ogni volta è fondamentale il lavoro e la passione delle persone impegnate, nel segno dell’amicizia e della solidarietà.

La fondazione Via delle Stelle

Caratteristiche queste che ben si associano anche a quelle dell’assistenza che ogni giorno l’Equipe dell’Hospice garantisce ai propri assistiti, sia a domicilio che in reparto, come ci ricorda la dottoressa Ines Barbera,
direttrice sanitaria della struttura reggina, che si pone da sempre come una “casa” per tutti coloro che vi accedono.


Ed è proprio così che il familiare di uno degli Ospiti ha definito la struttura, percepita appunto come una seconda casa, in cui trovare rifugio, attenzioni, sicurezze, presenza e tante cure da parte di professionisti formati per questo. Formazione e mutuo supporto tra operatori dell’equipe sono indicati dall’Oss, Vito Laganà, come elementi necessari per riuscire ad assistere nel migliore dei modi chi affronta uno dei momenti più delicati della propria vita.

La preziosa sinergia tra equipe e volontariato


Frutto prezioso di questa giornata è stato anche l’immancabile servizio dei Volontari dell’OdV “Amici dell’Hospice di Reggio Calabria”, che, come in ogni ricorrenza, hanno donato il loro tempo e il proprio talento per garantire la buona riuscita dello SpazioCultura, curando tra l’altro l’allestimento floreale della struttura, con i fiori donati dal fioraio “Petali, Fiori e Forme” di Francesco Calabrò.

Al termine della mattinata, i presenti hanno potuto vivere un piacevole momento di convivialità, in un’atmosfera impreziosita dalle candele donate da Vasta Gioie, gustando i dolci donati generosamente dalle pasticcerie reggine la “La Mimosa”, “Sarnè” e “Zio Torta”, accompagnati dall’ottimo vino nuovo, donato dalla Cooperativa Agricola “Terre grecaniche” e da Wine Shop di Luciano Mazzacuva.


La buona riuscita dell’evento è stata garantita dallo sforzo comune di tutti gli Operatori dell’Equipe dell’Hospice reggino (OSS, Infermieri, Medici, Ausiliari, Assistente Sociale, Fisioterapista, Cuochi, Autista, Archivista, Coordinatrici Infermieristiche ed Amministrativi) che si sono messi a disposizione nonché dal supporto organizzativo di Alessia Genua.

top