domenica,Maggio 19 2024

Dal Gambia a Reggio per curare la leucemia, giovane salvato dai medici del Gom

Arrivato in Italia a bordo di un barcone nel 2020, al 23enne venne diagnosticata una leucemia mieloide cronica in fase avanzata

Dal Gambia a Reggio per curare la leucemia, giovane salvato dai medici del Gom

Non sempre accade ma, a volte, capita di imbattersi in storie di buona sanità che, pur partendo da contesti difficili, hanno un epilogo fortunato. È questa la storia di un  ragazzo del Gambia la cui vicenda, legata al tristemente noto dramma dell’immigrazione, si intreccia con la grande professionalità e la straordinaria umanità di medici, operatori e volontari calabresi. Nel 2020 il giovane di 23 anni arriva in Italia a bordo di un barcone e, dopo diverse peripezie che lo portano prima in Puglia, poi in Francia e infine in Calabria, gli viene diagnosticata una leucemia mieloide cronica in fase avanzata, grave malattia del sangue per la quale si rende necessario un trapianto di midollo osseo.

La collaborazione tra l’Ematologia dell’Ospedale Ciaccio di Catanzaro e il Centro unico regionale trapianti di cellule staminali e terapie cellulari (C.T.M.O.) del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria, guidato dal Dott. Massimo Martino, rende possibile la realizzazione del trapianto, nonostante le difficoltà burocratiche legate alla ricerca di un donatore compatibile tra i familiari del ragazzo in Gambia e che sono state egregiamente affrontate dal dott. Giuseppe Console, responsabile registro donatori midollo osseo.

Da non dimenticare, il ruolo fondamentale nella vicenda dei volontari calabresi e dell’Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma (A.I.L.), che lavora ogni giorno per far in modo che i pazienti e le loro famiglie non si trovino mai soli nella loro battaglia e che la ricerca scientifica non si fermi. A un anno dal trapianto le condizioni cliniche del paziente sono buone, notizia che suona come un lieto fine per il ragazzo e un’ulteriore conferma della qualità del Grande ospedale metropolitano “Bianchi Melacrino Morelli” di Reggio Calabria.

Articoli correlati

top