lunedì,Giugno 24 2024

Nuova Neuroradiologia del Gom, basta liste d’attesa e migrazione sanitaria: alta tecnologia già operativa

Il commissario Scaffidi parla di una vera e propria «impresa compiuta. Software d’intelligenza artificiale in grado di coadiuvare i medici nell’offrire risposte diagnostiche celeri e accurate»

Nuova Neuroradiologia del Gom, basta liste d’attesa e migrazione sanitaria: alta tecnologia già operativa

Inaugurati i nuovi locali della U.O.C. Neuroradiologia del Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria. Tecnologia e parco macchine all’avanguardia per superare «i pregiudizi che fanno resistere la migrazione sanitaria». Ne è convinto il direttore sanitario Salvatore Costarella che ha garantito come al Gom «esistono tante eccellenze. Va detto che non è necessario curarsi fuori. E oggi più che mai possiamo confermare che qui possiamo fare tutto e farlo bene».

Qualità e celerità. Sono le parole chiave che durante l’inaugurazione hanno evidenziato come anche l’atavico problema relativo alle liste d’attesa, grazie a questi nuovi macchinari, sarà superato. Ad essere garantita, inoltre, saranno le emergenze che avranno un corridoio preferenziale per dare una risposta celere a pazienti che hanno situazioni particolarmente gravi.

L’inaugurazione

All’inaugurazione erano presenti, oltre alla Direzione Strategica del G.O.M. guidata dal Commissario Straordinario Dr. Gianluigi Scaffidi, il Garante della Salute Regionale, Anna Maria Stanganelli, il Presidente dell’Associazione Italiana di Neuroradiologia Diagnostica e Interventistica (AINR), Prof. Ferdinando Caranci.

I nuovi mezzi

Antonio Armentano, Direttore della U.O.C. Neuroradiologia, ha aperto gli interventi facendo un excursus della storia del reparto ed omaggiando i suoi predecessori alla giuda del reparto. È poi passato a spiegare l’importanza per i pazienti dell’acquisizione dei nuovi macchinari di ultima generazione, tra cui la Risonanza Magnetica 3 Tesla e la TC nuova da 640 strati, le quali, per la loro capacità di fornire immagini ad altissima risoluzione e con elevato dettaglio, garantiscono una straordinaria accuratezza della diagnosi. Non solo, la RM accorcerà drasticamente il tempo necessario per l’esame con notevole vantaggio per il paziente e risparmio per l’Azienda Ospedaliera. Il tutto determinerà, inoltre, un importante accorciamento delle liste d’attesa.

La nuova dotazione tecnologica in capo alla Piastra Radiologica del G.O.M. vede dunque i seguenti macchinari: 2 RMN 3 Tesla, 1 RMN 1.5 T, 2 TC 640 strati, 3 TC 128 strati, 1 TC 64 strati.

Le risorse

Inoltre, la Neuroradiologia si è dotata di software d’intelligenza artificiale (Rapid, Quantib, AICE) in grado di coadiuvare i medici nell’offrire risposte diagnostiche celeri e accurate ai malati oncologici o affetti da malattia demielinizzante.

Armentano ha concluso ringraziando le varie dirigenze che si sono succedute supportando il lavoro del reparto, e in particolare il Commissario Scaffidi, il Direttore Sanitario Aziendale, Dr. Salvatore Costarella, e il Direttore Amministrativo, Dott. Francesco Araniti, la U.O.C. Provveditorato e la U.O.C. Gestione Tecnico Patrimoniale, che hanno provveduto in tempi strettissimi all’acquisizione dei macchinari ed al rinnovo dei locali.

Traguardo

Caranci e Stanganelli si sono dichiarati concordi nel considerare l’evento odierno un importantissimo traguardo per la Sanità Calabrese. Proprio per le risposte che le nuove tecnologie possono offrire al bisogno di salute dei cittadini. Scaffidi ha concluso gli interventi ricordando anch’egli tutti coloro che negli anni hanno guidato la Neuroradiologia di Reggio Calabria e definendo ciò che è stato fatto «una vera e propria impresa. Per la farraginosità delle procedure e per le tempistiche ristrette con le quali è stato realizzato il nuovo sito, ciò che la squadra del G.O.M. ha fatto non ha eguali». 

Il Commissario si è unito ai ringraziamenti di Armentano ed ha sottolineato la vicinanza della Regione Calabria, nella persona del Presidente Roberto Occhiuto, il quale sta supportando il processo virtuoso che l’Ospedale di Reggio Calabria sta ponendo in atto: «circa venti giorni fa abbiamo presentato la Breast Unit, stamattina siamo stati al Convegno GITMO-Ail, insieme al Direttore del Centro Trapianti Midollo Osseo, dr. Massimo Martino, che sta facendo un’attività straordinaria, ed adesso siamo qui ad inaugurare i nuovi locali della Neuroradiologia. Questi sono chiari segnali che il G.O.M. sa valorizzare le sue eccellenze ed investe bene le risorse che la Regione mette a disposizione a tutela delle Salute della collettività».

Articoli correlati

top