giovedì,Gennaio 27 2022

Disabilità, le dieci domande di Crea ai candidati alla Regione

I quesiti sottoposti all'attenzione degli aspiranti governatori dal presidente dell'Adda

Disabilità, le dieci domande di Crea ai candidati alla Regione

«Le problematiche delle fasce deboli e dei disabili occupano un posto secondario nei programmi degli aspiranti consiglieri, ma anche di 3 candidati presidenti su 4». Ad affermarlo in una nota è il presidente dell’Adda Vito Crea che ai candidati alla Regione sottopone dieci quesiti sul tema della disabilità.

«Potreste indicarmi l’approccio che avrete con la razionalizzazione dei servizi? – si chiede Crea – Come intendete programma il FNA fermo al 2015? Come intendete revisionare la legge regionale 27/85?». E poi ancora «Che ne pensate della piena applicazione della legge 328/2000 e della legge regionale 23/2003? Quali sono i vostri intenti sulla abbattimento delle barriere architettoniche strutturali e mentali? Come pensate di garantire i Lea? Cosa proponete per una vera inclusione sociale, a tutte le età, delle persone con autismo in Calabria? Conoscete la legge sul dopo di noi? Che intenzioni avete con la legiferazione regionale in tema di autismo, dal momento che la Proposta di Legge Regionale 57/X decade insieme al vecchio consiglio e, quindi, per la terza volta in 20 anni, rappresenta un buco nell’acqua su questo aspetto? Sapete che le persone con autismo rappresentano l’1,5% della popolazione regionale e che, insieme almeno ai loro più stretti familiari votanti, sono pari almeno al 5% della popolazione, cioè alla soglia di sbarramento per farvi entrare e restare in Consiglio Regionale?».

Articoli correlati

top