giovedì,Gennaio 27 2022

Lotta alla ‘ndrangheta, il monito di Bombardieri: «La società non si giri dall’altra parte»

Il magistrato, dalle colonne dell'Avvenire, si appella ai cittadini. «Serve impegnarsi direttamente senza rassegnazione e accomodamento»

Lotta alla ‘ndrangheta, il monito di Bombardieri: «La società non si giri dall’altra parte»

«La società civile non può girarsi dall’altra parte». Pensieri e parole di Giovanni Bombardieri. Il capo della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, dalle colonne dell’Avvenire, lancia un messaggio ai calabresi sui temi della legalità e della lotta alla ‘ndrangheta. «Una lotta che coinvolge tutti – ha dichiarato il magistrato – i cittadini non possono delegare il contrasto soltanto alle forze di polizia. Serve impegnarsi direttamente rifuggendo l’atteggiamento di rassegnazione e accomodamento».

Dal magistrato reggino anche un appello alla politica. «Si devono investire più risorse sul territorio e lo Stato deve coinvolgere maggiormente i cittadini. Il rischio è sprecare questa grande occasione, e che gli spazi lasciati vuoti siano occupati da nuove leve delle criminalità. La politica poi non deve valutare i fatti come la magistratura. Vanno osservati atteggiamenti e condotte che non sempre coincidono con condanne penali».

Incalzato sulla situazione di Reggio, Bombardieri ammette: «Dopo gli arresti gli equilibri sono cambiati e i clan sono tornati ad intimidire per affermare la loro asfissiante presenta. I cittadini dal canto loro devono decidere di non riconoscere questo strapotere».

Articoli correlati

top