venerdì,Aprile 19 2024

Coronavirus, Reggio Calabria piange la scomparsa di Giovanni Lacava

L'uomo risiedeva da anni a Pesaro. Il commovente post del figlio che ricorda: "Nel suo cuore c'erano sempre Riggiu e la Reggina"

Coronavirus, Reggio Calabria piange la scomparsa di Giovanni Lacava

«Scusatemi se scrivo in questa chat, ma è l’unico modo per far sapere agli amici della scomparsa di un reggino verace. Oggi mio padre, Giovanni (Gianni) Lacava, ci ha lasciati, una delle tante vittime che il coronavirus sta mietendo in tutta Italia, in particolare nelle ex “zone rosse”, in quanto risiedeva da alcuni anni a Pesaro, ma nel suo cuore c’era sempre Riggiu e la sua amata Reggina».

Sono parole che spezzano il fiato quelle di un figlio, Claudio, un ricordo che ancora una volta ci spinge a valutare la serietà e la gravità di una pandemia che sta seminando morte e che chiama tutti a gesti di responsabilità.

«Ti domandi se tutto questo sia giusto, se, a causa del coronavirus, è giusto che una persona muoia senza ricevere una benedizione, con i parenti che non hanno potuto assisterlo e non sapendo se e quando riceverà una degna sepoltura, insomma, un numero in questo triste elenco. Non è mia intenzione fare del terrorismo, ma ribadisco con forza, soprattutto ai giovani: “Atteniamoci scrupolosamente a quanto ci hanno indicato, non esistono persone immuni; gli altri siamo noi e l’Italia deve dare una risposta forte e chiara a quei Paesi, i cui capi di stato e primi ministri, credono di essere invincibili!“Papà, che il tuo sacrificio e quello di tante altre povere persone non sia stato vano».

Articoli correlati

top