lunedì,Agosto 8 2022

Coronavirus, l’appello della Confsal: «Tamponi per tutti i Vigili del Fuoco»

La segreteria reggina del sindacato attacca: «Sia obbligatorio anche lo screening sierologico su tutti gli operatori»

Coronavirus, l’appello della Confsal: «Tamponi per tutti i Vigili del Fuoco»

«La scrivente organizzazione sindacale lo scorso 31 marzo aveva inviato una nota nella quale si chiedeva per tutti i vigili del fuoco l’esame del tampone per motivi facilmente intuibili, ma comunque ampiamente esposti. Ad oggi l’istanza non ha avuto alcun riscontro». Così in una nota la segreteria reggina della Confsal.

«Tutti i cittadini italiani, causa l’emergenza epidemiologica che ha colpito il Paese, stanno attraversando un periodo di sofferenze e privazioni della libertà sociale che ha modificato anche i normali comportamenti quotidiani. Questo maledetto nemico invisibile ha colto tutti di sorpresa, compreso noi vigili del fuoco, creando all’interno del nostro sistema organizzativo una condizione di criticità che non ha precedenti nella storia».

«Infatti, qualsiasi emergenza avesse colpito il paese, i vigili del fuoco comunque sono intervenuti e risolvendo sempre i problemi e molte volte pagando con la vita per garantire la sicurezza del paese. Ci congratuliamo con gli operatori sanitari per il grande senso del dovere, di responsabilità e la grande professionalità dimostrata per aver affrontato una guerra senza frontiere mai ipotizzata, per curare i malati di Covid, pagando un prezzo altissimo in termini di decessi, con tutte le criticità del caso, quali le gravi carenze dei dispositivi di sicurezza».

«Condividendo lo spirito dei sanitari e ringraziandoli per quanto sin qui fatto e per quanto riusciranno a fare, i vigili del fuoco calabrese, come le altre forze di polizia, si stanno prodigando al fine di garantire la sicurezza dei cittadini. Per fare ciò i vigili partecipano attivamente oltre alla quotidiana attività del soccorso tecnico urgente, anche alle attività di protezione civile, esponendoli ovviamente al rischio contagio».

Proprio per questo la Confsal Vigili del Fuoco calabrese e tutti i quadri dirigenti all’unanimità, «chiedono di prevedere un protocollo d’intesa per sottoporre al tampone ed allo screening sierologico tutti gli operatori, così come sta già avvenendo in altre regioni d’Italia, tra cui la Sicilia. Lanciamo un accorato appello al presidente della Regione Calabria Jole Santelli e a tutti i politici calabresi affinchè possano intercedere per contribuire a definire un accordo che preveda il tampone obbligatorio per tutti i Vigili del Fuoco calabresi».

Articoli correlati

top