lunedì,Ottobre 25 2021

Borghi da rilanciare, sinergie tra Corsecom e sindaci della Locride

Al via una serie di incontri per ridare impulso al settore turistico in vista della prima stagione estiva post-Covid

Borghi da rilanciare, sinergie tra Corsecom e sindaci della Locride

Corsecom e Comitato dei sindaci hanno dato vita ad un incontro che si è svolto presso il Comune di Ardore sul tema «Potenzialità e valorizzazione dei Borghi della Locride». L’incontro è stato organizzato dal delegato dell’assemblea Vito Antonio Crinò, sindaco di Casignana e Mario Diano, coordinatore del settore turismo del Corsecom e presidente dell’importante struttura associativa.

I lavori sono stati coordinati dal Presidente del Comitato esecutivo dei sindaci Giuseppe Campisi, alla presenza dei rappresentanti di alcuni Comuni, componenti di associazioni ambientalistiche, esperti e conoscitori dei borghi, e di un rappresentante del Parco d’Aspromonte con la presenza e l’adesione rispettivamente del consigliere regionale Giacomo Crinò e del consigliere regionale Raffaele Sainato.

In premessa Campisi ha evidenziato che la valorizzazione la fruizione dei borghi è uno degli obiettivi che può e deve caratterizzare l’attenzione dell’assemblea dei sindaci per i notevoli impulsi che può dare al settore turistico ma che per raggiungere questo obiettivo è necessaria una sensibilizzazione generale del territorio sull’importante tematica. Ha anche ribadito che è fondamentale conoscere i vari aspetti per potere di conseguenza impostare iniziative, progetti e attività promozionali.

Crinò e Diano, dal canto loro, hanno tenuto a precisare che l’incontro era da considerare come una prima tappa per un attento monitoraggio e un’analisi del territorio al fine di verificare lo stato strutturale dei borghi, le presenze di strutture ricettive, i punti di attrazione esistenti, le potenzialità inespresse, le stesse vie di comunicazioni esistenti. Da alcuni interventi è emerso che già esistono sul territorio alcune strutture ricettive che operano e attraggono ospiti durante diversi mesi all’anno organizzando eventi, visite guidate, incontri con artigiani; iniziative, però, isolate che meriterebbero, invece, di far parte di un progetto più complessivo e capace di coinvolgere tutto il territorio. Interessanti sotto questo aspetto l’esperienza che stanno vivendo (prima del Coronavirus) nel borghi di Antonimina e di Sant’Agata. Significativi, quindi gli interventi dell’ex sindaco Grenci, dell’esperto Toto Crinò, dall’ambientalista Arturo Rocca che hanno evidenziato parte dell’immenso patrimonio esistente in questi borghi. A conclusione dell’incontro è stato creato un gruppo di lavoro che eseguirà un approfondito monitoraggio della situazione e quindi entro un paio di settimane in un contesto più numeroso di presenze proporrà delle iniziative a breve e a medio termine per avviare un reale progetto di sviluppo complessivo.

E’ stato anche precisato che per affrontare meglio le varie realtà si e pensato di intervenire in due aree. Per questo motivo è stata già contattata la presidente dell’Assemblea dei Comuni, Caterina Belcastro, che è anche sindaco di Caulonia che ha subito dato la sua adesione per organizzare analogo incontro con l’intervento di altri esponenti dell’area nord. Il nuovo incontro avrà luogo mercoledi 3 giugno a Caulonia.

Articoli correlati

top