venerdì,Luglio 1 2022

Elezioni comunali, al via l’interpartitica del centrodestra. Assente Cannizzaro

La riunione si è svolta nella nuova sede della Lega di Via Miraglia. Il deputato azzurro ha delegato Lucio Dattola. In pole position rimane Antonino Minicuci

Elezioni comunali, al via l’interpartitica del centrodestra. Assente Cannizzaro

Il centrodestra prova a rimettersi in marcia in vista delle comunali. Forte dei sondaggi favorevoli e del pessimo indice di gradimento di Giuseppe Falcomatà, per come riportato nel Governance Poll de Il Sole 24 Ore proprio in queste ore, ha avviato il tavolo dell’interpartitica.

La riunione, agognata per lunghi mesi, si è svolta nella nuova sede di via Miraglia della Lega, inaugurata da Matteo Salvini appena qualche settimana fa. Ulteriore e definitivo segnale che il nome del prossimo candidato del centrodestra sarà scelto dal Carroccio, in ossequio agli accordi nazionali.

La riunione è stata interlocutoria e ha coinvolto soltanto i partiti, lasciando fuori, almeno per il momento, le liste civiche. La notizia del giorno, però, attiene proprio alle presenze più che alle decisioni. Per la prima volta da lunghi mesi non è presente ad un incontro tra i referenti dei partiti del centrodestra il commissario provinciale e deputato di Forza Italia  Francesco Cannizzaro. In sua vece si è presentato il delegato Lucio Dattola. Dopo aver dovuto inghiottire il rospo del candidato leghista, sarebbe stato troppo dover partecipare alla riunione nella sede leghista. A fare gli onori di casa i coordinatori leghista Franco Recupero e Emiliano Imbalzano, oltre al capogruppo in Consiglio regionale Tilde Minasi. Per Fratelli d’Italia è stato presente il coordinatore cittadino Massimo Ripepi, mentre per l’Udc il vice segretario regionale Luigi Fedele.

Non sono stati fatti nomi per la candidatura, anche se la rosa è nota da tempo e il primo della lista rimane Antonino Minicuci dopo le diverse benedizioni di Matteo Salvini. L’incontro è stato più che altro volto a ricostruire un clima cordiale tra le forze in campo dopo le tensioni che hanno seguito l’accordo nazionale che ha assegnato la Città Metropolitana alla Lega.

Gli alleati hanno chiesto al Carroccio di fare in fretta e, naturalmente, si proseguirà nel lavoro sotto traccia per arrivare magari ad un nome diverso rispetto a quello di Minicuci che sarebbe proprio indigesto alla Fi di Francesco Cannizzaro.

Le riserve, comunque, dovrebbero essere sciolte definitivamente a Roma a metà mese. A metà della prossima settimana dovrebbe infatti riunirsi il tavolo con i vertici nazionali del partito, per fare il punto su regionali e comunali e, in quella sede, dovrebbe arrivare il via libera definitivo al nome del candidato del centrodestra alla prossime comunali.

Articoli correlati

top