lunedì,Maggio 27 2024

Calabria sempre più cara da raggiungere a Pasqua: fino a 450 euro per un volo

La denuncia del consigliere regionale dem Ernesto Alecci che propone un tavolo per l’abbassamento delle tariffe: «favorirebbe anche la crescita del turismo religioso ed esperienziale»

Calabria sempre più cara da raggiungere a Pasqua: fino a 450 euro per un volo

«Negli ultimi tempi ho ricevuto tantissime segnalazioni relative all’aumento del costo dei biglietti di treno e aereo per raggiungere da varie zone la Calabria. Di conseguenza, mentre si investe giustamente su vari fronti per la promozione turistica della nostra regione con il claim “Calabria Straordinaria”, dalla Bit di Milano al Vinitaly di Verona, a conti fatti la Calabria appare purtroppo anche “straordinariamente cara” da raggiungere».

Lo afferma, in una nota, il consigliere regionale del Partito democratico Ernesto Alecci. «Nel periodo natalizio, ad esempio – aggiunge Alecci – l’Assessorato al Turismo ha investito più di due milioni e mezzo di euro per la realizzazione di una pista di pattinaggio a scopo promozionale di fronte alla Stazione Centrale di Milano. Ma partire da Milano per venire a Lamezia Terme con voli di andata e ritorno per trascorrere nel periodo delle vacanze di Pasqua qualche giorno in Calabria può costare dai 350 ai 450 euro».

«Facendo una semplice ricerca – continua Alecci – è evidente come queste tariffe appaiono sproporzionate, considerando che, nello stesso periodo, sempre partendo da Milano, per arrivare a Palermo si spendono 220 euro, per Dublino 250 euro, per Londra addirittura 130 euro, un terzo della spesa, per New York poco più di 400 euro, cioè più o meno la stessa cifra che per Lamezia».

«Tra l’altro, la nostra regione – sottolinea il consigliere regionale – nel periodo pasquale è caratterizzata da una miriade di bellissimi eventi e rappresentazione religiose, legati alla tradizione di tantissimi comuni in tutte le province. Un abbassamento delle tariffe, accanto ad una opportuna promozione del turismo religioso e esperienziale, aiuterebbe certamente la crescita della presenza di visitatori in queste occasioni, così come aiuterebbe a livello economico gli studenti e i lavoratori fuori sede che vorrebbero rientrare nei nostri territori per trascorrere qualche giorno in famiglia».

Pertanto, oltre ad aumentare le rotte da e per i nostri aeroporti Alecci reputa «fortemente necessario» la creazione di un tavolo di lavoro con gli operatori per riuscire a spuntare tariffe più convenienti, «a maggior ragione oggi che la Sacal è di proprietà pubblica, gestita come socio di maggioranza dalla Regione. Una riduzione delle tariffe sarebbe certamente il primo passo per poter finalmente dare vita alla destagionalizzazione del turismo, così come gli operatori del settore chiedono da tempo».

Articoli correlati

top