Rinascita-Scott, il plauso di Goel e Progetto Sud a Gratteri. «La Calabria vuole voltare pagina»

Espressa soddisfazione in una nota congiunta dopo il blitz anti-'ndrangheta. «Continueremo a fare la nostra parte»
Espressa soddisfazione in una nota congiunta dopo il blitz anti-'ndrangheta. «Continueremo a fare la nostra parte»
Nicola Gratteri

Il Gruppo Cooperativo Goel e la comunità Progetto Sud vogliono ringraziare il Procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri per la storica operazione “Rinascita Scott” che ha svelato quel sistema di collusione tra ’ndrangheta e massonerie deviate che ha devastato la Calabria, portandola tra le ultime regioni d’Europa. «L’inchiesta – riporta una nota congiunta – non è solo importante per le accuse di reato, ma lo è anche perché cerca di comprovare l’esistenza di un “sistema” responsabile della povertà, della disoccupazione e dell’arretratezza di un’intera regione».

«La maggior parte dei calabresi vuole voltare pagina, il processo di cambiamento è iniziato e tutti insieme cercheremo di portarlo a compimento. Noi come società civile continueremo a fare la nostra parte, in sinergia con la parte sana delle istituzioni che Gratteri ben rappresenta. Realizzeremo, passo dopo passo, una Calabria migliore, equa e giusta, con un’economia sana competitiva e innovativa. La ’ndrangheta, le massonerie deviate, quella componente traditrice della giusta politica vanno presto cancellate dalla nostra storia».

I ringraziamenti del Goel vanno, oltre che a Gratteri, al suo pool e a tutti i magistrati che hanno partecipato, a Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia, «e a tutti quegli uomini e donne dello Stato che, con la propria intelligenza e integrità, continueranno senza farsi intimidire a combattere per abbattere questo sistema clientelare-criminale».