venerdì,Novembre 27 2020

Autismo, Faraone mantiene la promessa. Interrogazione parlamentare per le cure di Matteo

Il capogruppo di Italia Viva in Senato ha annunciato che se l’Asp non interverrà immediatamente «anch’io con la mamma inizierò il digiuno»

Autismo, Faraone mantiene la promessa. Interrogazione parlamentare per le cure di Matteo

«L’asp di Reggio Calabria, anche dopo un’ordinanza d’urgenza che la condanna, continua a non provvedere alle terapie e alle cure necessarie al piccolo Matteo. Ho raccolto l’appello della mamma Angela Villani del bambino autistico che esasperata minaccia di iniziare uno sciopero della fame e della sete. Se accadesse sarebbe veramente grave. Farò un’interrogazione e già da ora annuncio che se l’asp non interverrà immediatamente anch’io con la mamma inizierò il digiuno».

Con queste parole, il capogruppo di Italia Viva in Senato Davide Faraone, presidente della Fondazione per l’Autismo interviene sul caso del piccolo Matteo e, mantenendo la promessa fatta a Reggio Calabria durante la presentazione del suo libero “Con gli occhi di Sara” con la fondazione Scopelliti, ha dato voce all’appello di una madre disperata. Dopo diverse denunce, azioni di protesta e richieste legali, Angela Villani è arrivata al gesto estremo che la vedrà costretta ad iniziare lo sciopero della fame qualora non arrivassero le risposte attese. Faraone abbracciando in pieno la lotta di una mamma e di tutti i bambini i cui diritti vengono lesi, ha deciso di fare sua quest’iniziativa che seppur estrema si è resa necessaria dopo mesi di assordante silenzio.