mercoledì,Ottobre 20 2021

Villa San Giovanni, avviata raccolta firme per riaprire l’ufficio postale di Acciarello

La petizione è già arrivata a 200 firme ma non basta la Rigolino lancia un appello «Aiutateci a tenerci quel poco che resta in un paese che sta morendo ed è nel degrado più assoluto»

Villa San Giovanni, avviata raccolta firme per riaprire l’ufficio postale di Acciarello

«La rimodulazione/chiusura di alcuni Uffici Postali, a seguito del Covid 19, soprattutto in aree interne e periferiche del nostro territorio regionale, sta creando forti disagi ai cittadini e alle nostre comunità. In queste decisioni drastiche è finito anche l’ufficio postale del popoloso quartiere Acciarello della città di Villa San Giovanni (RC) con una vasta utenza».

Inizia così la petizione lanciata dai cittadini di Acciarello, quartiere del Comune di Villa San Giovanni. A lanciare l’iniziativa è Daniela Rigolino che, facendosi portavoce del disagio conferma come «la chiusura abbia determinato un impatto negativo sul territorio. Pur comprendendo la situazione che, peraltro, è complessa per tutti, a partire dai cittadini, tuttavia si ricorda che il servizio rientra fra quelli essenziali. Gli Uffici Postali sono un presidio che erogano servizi di primaria necessità. Non solo. In un momento di grandissimo disagio come quello attuale, con l’emergenza sanitaria in corso, la chiusura provoca un ulteriore grave danno all’intera comunità.

Occorre anche pensare che vivono soprattutto anziani che utilizzano l’ufficio Postale in questione per il pagamento delle utenze o per il prelievo di contanti. E’ bene ricordare anche che non essendoci un servizio di trasporto urbano di bus nella città di Villa San Giovanni, ha isolato alcuni utenti, rendendo impossibile per alcune persone persino riscuotere la pensione.

Proprio il decreto ministeriale, cui Poste Italiane fa riferimento nell’assunzione di tale decisione vieta assembramenti, cosa che invece succede nell’ufficio centrale. La chiusura di alcuni uffici determina necessariamente un afflusso di persone concentrato in altre sedi, a loro volta interessate da provvedimenti di forte riduzione degli orari di apertura, aggiungendo in tal modo disagio al disagio.
Con la presente, i cittadini chiedono l’immediata riapertura dell’ufficio postale del quartiere Acciarello arbitrariamente chiuso per mantenere un servizio essenziale di pubblica utilità e, in ogni caso, la possibilità di valutare e concordare insieme ogni decisione, nel rispetto dei ruoli di ciascuno. Si fa notare, inoltre, che suddetto ufficio, oltre ad essere usufruiti anche da comuni limitrofi, è uno dei pochi accessibili per i disabili».

Articoli correlati

top