mercoledì,Dicembre 2 2020

Rianimazione cardio-polmonare, il garante Mattia: «Diffondere la cultura del primo soccorso»

Il Garante Metropolitano per l’Infanzia e l’Adolescenza dell'area metropolitana: «Fondamentale per strappare una persona alla morte»

Rianimazione cardio-polmonare, il garante Mattia: «Diffondere la cultura del primo soccorso»

«Basta poco per salvare una vita attraverso manovre di rianimazione cardio-polmonare e di disostruzione delle vie aeree, in attesa dei soccorsi sanitari. È importante sapere come mantenere la calma e come agire. Per questo auspico più punti di defibrillazione sul territorio metropolitano e una più diffusa cultura del primo soccorso soprattutto nelle famiglie, nelle scuole e nei luoghi di aggregazione sociale».

Il Garante Metropolitano per l’Infanzia e l’Adolescenza Emanuele Mattia commenta così dopo aver frequentato il corso teorico-pratico abilitante alla defibrillazione e alle manovre salvavita, soprattutto a quelle specializzate per bambini e lattanti.

«Consapevole dell’importanza di tale formazione, sia in termini di gestione emotiva che di conoscenza delle operazioni tecniche, ho accettato subito l’invito fattomi dalla “Blu Corporation-Centro di Formazione Salvamento Agency”. Sia per una questione di arricchimento del mio bagaglio di esperienze e competenze, sia per dare l’esempio, specialmente a tutti coloro che hanno a cuore i più piccoli. Attraverso questo corso ho potuto capire come non sia nulla di difficile, a patto che si sia formati, ma fondamentale per strappare una persona alla morte» ha aggiunto Mattia sottolineando la valenza del corso animato da Francesco Marcellino, Roberto Polimeni ed Annibale Panacea e al quale ha partecipato anche Tiziana Tiziano dell’Ufficio del Garante.

«Occorre diffondere a macchia d’olio la cultura del primo soccorso» è stato il modo nel quale il responsabile di Blu Corporation Marcellino ha ribadito il concetto espresso dal Garante.